Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: Campobello di Licata » La storia

Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)






Il nome Campobello venne attribuito al paese per la cospicua fertilità del suolo. Campobello di Licata fu fondata come borgo feudale nel 1681 da Raimondo Raimondetta, Barone di Campobello, che pagò duecento onze per comprare, da Carlo VI del Sacro Romano impero e Carlo II di Spagna la Licentia Populandi per il suo feudo.
Antecedentemente a tale data non si hanno notizie certe di nuclei di abitazione ma si conoscono i nomi dei baroni investiti dalla baronia di Campobello che non sembra avesse un vero e proprio centro abitato ma la cui origine è certamente posteriore al 1400.
Il nome del feudo su cui sorse il paese è presente, per la prima voltà in documenti del 1408, dove si indica come terra soggetta, sotto Federico II d'Aragona, a Simone Matteo o de Mattina. Dagli stessi atti si rilevò, inoltre, che passò a Sancio Daxe o Dexeo e nel 1430, a Marino de Matina, che ebbe concesso il feudo di Compobello di Licata (Campus bellus) da re Alfonso, dinanzi al quale s'impegnò a prestare servizio militare "more froricorum". La baronia dei de Matina ebbe lunga vita. Passò, per successione di diverse generazioni, sempre a questa stessa nobile famiglia, almeno fino a tutto il XVII secolo.
Il feudo venne poi edificato nel 168l, come già detto, da Raimondo Ramondetta di San Martino.
Numerosi cataclismi di varia natura ostacolarono, però, e ritardarono il popolamento. Col censimento del 1710 vi si potevano contare 212 abitanti e 113 case.
Nel 1692 aveva ottenuto l'investitura Giovanni Maria San Martino Ramondetta, uomo colto, dotto, che ebbe anche le supreme dignità. Venne edificata la Castellania e, accanto ad esso, la Chiesa Madre.
Campobello di Licata appartenne sino alla fine del 1700, alla famiglia Sammartino; ma intanto nel 1786, aveva iniziato i primi passi verso l'istituzione dei nuovi ordinamenti amministrativi, che rimasero in vigore fino all'abolizione del sistema feudale.
Nel 1861 contava 5.835 abitanti, oggi oltre 10 mila.
Il suo territorio si estende su uno superficie di circa 80 mila metri quadrati. Sono in attività alcune miniere, ma la produzione principale è quella agricola e si distingue per la produzione di uva da tavola, mandorle e olive. Fiorente è l'allevamento di ovini. Tipici sono i lavori artigianali in legno e carta. In queste pagine troverete le migliori strutture turistiche come Hotel agriturismi bed and breakfast ristoranti.

Segnala presso:



Visualizzazione ingrandita della mappa

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO
AgrigentoAlessandria della RoccaAragonaBivona
BurgioCalamonaciCaltabellottaCamastra
CammarataCampobello di LicataCanicattiCasteltermini
CastrofilippoCattolica EracleaCiancianaComitini
FavaraGrotteJoppolo GiancaxioLampedusa e Linosa
LicataLucca SiculaMenfiMontallegro
MontevagoNaroPalma di MontechiaroPorto Empedocle
RacalmutoRaffadaliRavanusaRealmonte
RiberaSambuca di SiciliaSan Biagio PlataniSan Giovanni Gemini
Sant Angelo MuxaroSanta ElisabettaSanta Margherita di BeliceSanto Stefano Quisquina
SciaccaSiculianaVillafranca