Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: Calamonaci » La storia

Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)






Il nome Calamonaci deriva dall'arabo Kal-at-Munach che significa "casale di sosta" poichè anticamente esso era una stazione di fermata dove si cambiavano i cavalli delle diligenze. Sorge su un'altitudine di 307 metri a 54 chilometri da Agrigento e a 4 da Ribera, il suo territorio si estende dalla montagna Chirchillo a Scirinda e dal fiume Verdura alla Salina Sorge, quindi, tra rigogliosi vigneti e secolari uliveti e la sua economia è prettamente agricola. Si producono, in particolare, vino, olio, agrumi, mandorle.
Nella storia troviamo le prime tracce di questo nome nel 1287, anno in cui l'antico feudo venne venduto dal sovrano Giacomo di Aragona al signore Berengario de Villaragut.
Quando costui, seguendo il re, lasciò la Sicilia, nel 1296 Federico II lo concesse a Berengario De Spuches; passò poi ai baroni Inveges e Perollo di Sciacca rimanendo sempre non abitato.
Per altri due secoli Calamonaci rimase nelle dimensioni di un modesto casale passando nelle mani di diversi feudatari. Solo il 6 febbraio 1574 Antonino De Termine ottenne lo Jus populandi, ossia il diritto a fondare e popolare il feudo di Calamonaci. Dieci anni dopo, a partire dal 1580, iniziarono i lavori per la costruzione della Chiese di San Vincenzo Ferreri, unica Chiesa del paese di notevole interesse architettonico. Nella prima metà del 1600 Calamonaci contava poco più di 650 anime. In questo secolo sorse anche un piccolo convento di Carmelitani, che ebbe però poca vita e oggi visibile solo in parte..
In seguito il feudo fu di proprietà del signore Vespasiano De Spuches, quindi fu sede dei baroni Montaperto di Raffadali. Nel 1812 con l'abolizione della feudalità il comune divenne autonomo.
La storia del paese è legata, fino al secolo scorso, alle vicende delle famiglie locali che ne hanno acquisito il possesso. La città moderna si presenta al visitatore ben squadrata, divisa in quattro zone da due arterie principali (Corso Francesco Crispi e Via Garibaldi).
L'economia del piccolo centro è prettamente agricola. In particolare si producono olio, vino, agrumi e mandorle. L'olio extravergine è estratto da olive della varietà biancolilla.

Segnala presso:



Visualizzazione ingrandita della mappa

 

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO
AgrigentoAlessandria della RoccaAragonaBivona
BurgioCalamonaciCaltabellottaCamastra
CammarataCampobello di LicataCanicattiCasteltermini
CastrofilippoCattolica EracleaCiancianaComitini
FavaraGrotteJoppolo GiancaxioLampedusa e Linosa
LicataLucca SiculaMenfiMontallegro
MontevagoNaroPalma di MontechiaroPorto Empedocle
RacalmutoRaffadaliRavanusaRealmonte
RiberaSambuca di SiciliaSan Biagio PlataniSan Giovanni Gemini
Sant Angelo MuxaroSanta ElisabettaSanta Margherita di BeliceSanto Stefano Quisquina
SciaccaSiculianaVillafranca