Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di MESSINA


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: Forza di Agrò » La storia

Monumenti Eventi Video Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Piantina




Pittoresca cittadina arroccata a 420 m sul livello del mare.
Non è accertato se nella Valle e sulle colline ove oggi si estende il territorio forzese abbiano vissuto i Sicani o i Siculi.
Forse presso la Valle d'Agrò sorgeva un villaggio o un porto commerciale fenicio di nome Phoinix, mentre sulle alture interne esisteva una cittadella (Kallipolis o Agrilla), andata poi distrutta.
Il nome originario del paese era Vicum Agrillae ( Antico Casale di Agrilla), mutato in quello attuale nel XIV secolo, dopo la fortificazione del centro. Il termine Forza infatti deriva dal contrazione della parola latina Fortia, che significa "fortilizio", mentre l'appositivo D'Agrò, può provenire dal greco Agròs, che vuol dire "campo" oppure da Arghennon 'akron, cioè "promontorio d'argento", nome con cui i greci chiamarono l'attuale Capo S. Alessio. Tale denominazione potrebbe poi trasformatasi in 'Argon, in 'Agron e, quindi, in Agrò.
Dopo la conquista romana del 135 a.C., la specificazione greca di "Arghennon" è stata sostituita da quella latina di "Agrillae" o "Agrille" ed il villaggio, il borgo, i gruppi di case esistenti nella vallata ai margini della Fiumara d'Agrò, hanno assunto il nome di "Vicum Agrillae".
La zona è quindi passata sotto il dominio dei Bizantini rimanendovi per quasi tre secoli (536-827). Sui poggi dell'Agrò la comunità basiliana ha esercitato il culto di rito greco - orientale, favorendo la nascita del Monastero e della Chiesa dei S.S. Apostoli Pietro e Paolo d'Agrò.
Per sfuggire alle scorrerie di popoli stranieri, la gente si è riversata nelle campagne, andando ad abitare pendii scoscesi e valli interne poste al riparo, in località Casale. Nel sec. VIII sono divenuti sempre più frequenti le incursioni arabe e forse in questo periodo è stato distrutto dagli Arabi il monastero d'Agrò.
Le prime notizie sulla presenza di un centro abitato risalgono al 1117, quando fu donato al Monastero dei SS. Pietro e Paolo d'Agrò. Nel secolo XIV fu possedimento di una nuova famiglia feudale che vi fondò il castello. Data la posizione fortemente strategica venne edificato ,dal conte Ruggero nel '500.
E' grazie ad un diploma di Ruggero II del 1117, che si fa per la prima volta menzione del "Vicum Agrillae".
Quando il "Vicum" non è risultato più sufficiente ad un popolo in espansione ed in cerca di sicurezza ed indipendenza, la gente si è spostata più a monte, presso l'attuale collocazione. In contrada Magghia, un quartiere è cresciuto su un'ampia spianata. Attorno all'austera Guardiola del Castello è sorto via via anche il pittoresco borgo del Quartarello.
La cittadina, per la presenza del Castello, ha preso il nome di "Fortilicium d'Agrò", cioè Fortezza d'Agrò, che nel tempo si è preferito abbreviare in FORZA D'AGRò.
E' nel secolo XIV che il paese, a poco a poco, ha cominciato a prendere forma nel luogo che ha conservato per sempre, rannicchiato intorno al Castello.
Del castello, ancora oggi si possono ammirare imponenti vestigia: la doppia cinta muraria con feritoie e cannoniere e la guardiola, costruzione dalla cui feritoia si domina con lo sguardo il centro abitativo e le caratteristiche stradine medievali dell' antico borgo.
Dopo la rivoluzione del 1674, che ha visto coinvolti Spagnoli e Francesi, Forza d'Agrò, rimasta fedele alla Spagna, sconfitta, è stata trattata come terra di conquista. Assorbita da Savoca, perdeva tutti i privilegi donati da Ruggero II. L'Università d'Agrò non perdeva occasione di rivangare i privilegi concessile dal re normanno: tutto il primo cinquantennio del '700 è stato caratterizzato da questa lotta tra i Forzesi ed il Grande Ammiragliato. Ma la cittadina, pur rappresentata da Ufficiali coraggiosi, si è dovuta quasi sempre inchinare alle autorità reali.
Agli inizi dell'800, per difendere l'isola ed il Re dagli attacchi di Napoleone, gli Inglesi hanno occupato il Castello di S. Alessio e il Castello di Forza d'Agrò.
Una legge del 1866, riguardante la soppressione delle corporazioni religiose, ha permesso allo Stato di appropriarsi dei beni ecclesiastici. Anche i monaci Francescani di Santa Caterina e quelli di Sant'Agostino sono stati costretti a lasciare i loro conventi. I Monasteri si sono svuotati e l'Amministrazione comunale forzese si è insediata così nell'ormai Nei primi anni del '900 molti forzesi hanno lasciato il paese in cerca di fortuna. Le destinazioni transoceaniche, soprattutto le Americhe, hanno prevalso su quelle europee.
Nella zona di Forza d'Agrò è mancata quasi del tutto l'esperienza dell'occupazione nazista. I Tedeschi hanno comunque lasciato traccia della loro presenza in una lunga galleria scavata nel Capo S. Alessio.
Nel 1948 la frazione S. Alessio si è distaccata da Forza d'Agrò divenendo Comune autonomo.
Le attività economiche principali sono l'agricoltura e l'allevamento. I prodotti maggiormente coltivati sono le olive, gli agrumi, le mandorle e l'uva da mosto. Gli allevamenti presenti sono quelli di bovini e di suini.
Forza d'Agrò è ormai divenuto centro turistico particolarmente frequentato dai vacanzieri che oltre alle bellezze artistiche e paesaggistiche possono usufruire delle ormai rimodernate strutture alberghiere e di ristorazione.

Segnala presso:



Visualizzazione ingrandita della mappa

 

 

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI MESSINA
AcquedolciAlcara li FusiAlìAlì Terme
AntilloBarcellona Pozzo di GottoBasicòBrolo
CapizziCapo D' OrlandoCapri LeoneCaronia
Casalvecchio SiculoCastel di Lucio Castel di TusaCastello Umberto
CastelmolaCastrorealeCesaroCondrò
FalconeFicarraFiumedinisiFloresta
Fondachelli FantinaForza di AgròFrancavilla di SiciliaFrazzanò
Furci SiculoFurnariGaggiGalati Mamertino
Giardini NaxosGioiosa MareaGranitiGualtieri Sicamino
ItalaLeniLetojanniLibrizzi
LiminaLipariLongiMalfa
MalvagnaMandaniciMazzarra Sant AndreaMeri
MessinaMilazzo Mili San PietroMilitello Rosmarino
MirtoMistrettaMoio AlcantaraMonforte San Giorgio
Mongiuffi MeliaMontagnarealeMontalbano EliconaMotta Camastra
Motta D AffermoNasoNizza di SiciliaNovara di Sicilia
OliveriPace del MelaPagliaraPatti
PettineoPirainoRaccujaReitano
RoccalumeraRoccavaldinaRoccella ValdemoneRodi Milici
RomettaSan Filippo del MelaSan FratelloSan Marco D Alunzio
San Pier NicetoSan Piero PattiSan Salvatore di FitaliaSan Teodoro
Sant Agata di MilitelloSant Alessio SiculoSant Angelo di BroloSanta Domenica Vittoria
Santa Lucia del MelaSanta Marina SalinaSanta Teresa di RivaSanto Stefano di Camastra
SaponaraSavocaScaletta ZancleaSinagra
SpadaforaTaorminaTerme Vigliatore©Tindari
TorregrottaTorrenovaTortoriciTripi
©TusaUcriaValdinaVenetico
Villafranca Tirrena