Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: Catenanuova » La storia

Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)






E' un comune di oltre 5.000 abitanti in Provincia di Enna e appartenente alla Sicilia centrale ed alla Diocesi di Nicosia.
Sorge in un punto strategico della valle del Dittaino, a 38 km da Enna in direzione est e a 35 km da Catania in direzione ovest, lungo la linea ferroviaria e l'autostrada A19 fra Palermo e Catania.

Venne fondata intorno al 1727-1733 dal Principe Andrea Giuseppe Riggio-Statella (figlio primogenito di Antonio Giuseppe Riggio-Saladino e Anna Maria Statella-Paternò Castello), nel proprio feudo di Melinventre secondo il volere della madre: questa, rimasta vedova, nel proprio testamento del 21 luglio 1713 richiedeva al figlio ed erede di fondare una nuova città "...in qual futuro tempo nel suo fegho di Melinventre si frabicasse la Terra e vi fosse fondato l'Arcipretato..." nella piccola chiesa di San Giuseppe, già esistente.

Andrea Riggio prese l'investitura del feudo di Melinventre l'8 marzo 1722 all'età di 20 anni. Essendo poco più che adolescente, attese circa un decennio prima di eseguire le volontà della madre, tanto che, nel 1726 inoltrò richiesta per la fondazione del nuovo centro urbano a sua Maestà il Re di Sicilia Carlo VI, affinchè gli concedesse l'autorizzazione. Carlo VI in data 11 settembre 1726 accordò la richiesta avanzata dal Principe Andrea Riggio, anche se il permesso definitivo gli fu dato nel 1731.

Catenanuova divenne ente autonomo, il Principe dunque, fece erigere il suo palazzo (abbattuto nel 1976) di fronte alla chiesa intitolata a san Giuseppe, e alcune abitazioni attorno ad esso, così iniziò il processo di popolazione del nuovo centro urbano; fece spianare ampie e rette vie e nel giro di poco tempo Catenanuova assunse il ruolo di cittadina vera e propria.

Il nome della nuova cittadina derivò dal titolo della famiglia del fondatore, "Principi della Catena", che già avevano fondato un altro comune di nome Aci Catena; infatti inizialmente la chiamarono Terra della Nuova Catena, poi Catena la Nuova, e infine Catenanuova.
Lo stemma del nuovo comune venne creato unendo i quattro simboli della famiglia paterna e materna del fondatore, vale a dire Riggio-Saladino e Statella-Paternò Castello. Tale simbolo venne utilizzato come sigillo comunale dal 1736 al 1812 e inoltre venne scolpito in bassorilievo nel fonte battesimale di marmo (del 1738) e dipinto sulla base del simulacro della compatrona, Maria Santissima delle Grazie (del 1750), entrambi nella chiesa San Giuseppe.
Altri palazzi vennero edificati nel corso del XIX secolo.
Appartenne alla Provincia di Catania dalla sua nascita fino al 1926, quando Enna fu eretta capoluogo di provincia.

Segnala presso:



Visualizzazione ingrandita della mappa

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI ENNA
AgiraAidoneAssoroBarrafranca
CalascibettaCatenanuovaCenturipeCerami
EnnaGagliano CastelferratoLeonforteNicosia
NissoriaPiazza ArmerinaPietraperziaRegalbuto
SperlingaTroinaValguarnera CaropepeVillarosa