Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di RAGUSA


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: Scicli » La storia

Monumenti Eventi Video Cartoline Galleria Brochure Commenti Link



"...sorge all'incrocio di tre valloni, con case da ogni parte su per i dirupi, ..."

Elio Vittorini



Piantina




Scicli si estende su una larga pianura incastonata all'interno di tre valli strette ed incassate dette Cave (le valli di Modica, di Santa Maria La Nova, e di San Bartolomeo), originate da fratture tettoniche di epoca remotissima e divenute letto di corsi d'acqua torrentizi.
Antichissime ed incerteLe sono le origini della città che ha vissuto da proagonista le più importanti dominazioni avvicendatesi nei secoli in Sicilia: dai Siculi ai Greci, dai Romani ai Saraceni, dai Normanni agli Aragonesi, tutti hanno lasciato le loro indelebili testimonianza, tuttora riscontrabili sul Colle di S. Matteo , primo nucleo di Scicli.
Distrutta dal sisma del 1693, venne in seguito ricostruita seguendo i più fini principi barocchi che hanno dato vita ad uno dei gioielli architettonici più fastosi di Sicilia.
L'economia di Scicli è basata quasi esclusivamente sull'agricoltura intensiva e sulla produzione di primaticci. La coltivazione in serre, di cui tutta la fascia costiera è coperta, sta raggiungendo il primo posto fra le risorse economiche della città e della provincia. Oltre ai primaticci e alla serricoltura, particolare importanza riveste anche la produzione di agrumi, olio carrubbe, vino e in quest'ultimo periodo anche di fiori.
Elio Vittorini si sofferma sulla sua magica morfologia ne "Le Città del Mondo": «La città di Scicli sorge all'incrocio di tre valloni, con case da ogni parte su per i dirupi, una grande piazza in basso a cavallo di una fiumara, e antichi fabbricati ecclesiastici che coronano in più punti, come acropoli barocche, il semicerchio delle altitudini...».
Pier Paolo Pasolini visitò da giornalista la città vecchia (Chiafura) scavata nella roccia che sovrasta il centro storico, descrivendola come "una specie di montagna del Purgatorio, coi gironi uno sull'altro, forati dai buchi delle porte delle caverne saracene, dove la gente ha messo un letto, delle immagini sacre o dei cartelloni di film alle pareti di sassi e lì vive, ammassata, qualche volta col mulo".
Leonardo Sciascia è stato più volte a Scicli, dove teneva conferenze e incontri e dove viveva l'amico e pittore Piero Guccione, sciclitano di nascita.

Segnala presso:


Storia Antica
Scicli
La presenza umana nel territorio di Scicli risale addirittura al periodo eneolitico, come dimostrano i ritrovamenti della Grotta Maggiore situata vici...

Storia medievale
Scicli
Come tutte le città siciliane, anche Scicli dopo la caduta dell'lmpero Romano d'occidente cadde sotto la dominazione bizantina e sub&...

Storia moderna
Scicli
Fu sotto la dominazione aragonese che si formò la contea di Modica, e Scicli ne venne a far parte, seguendone le sorti sotto i Mosca (1283- 129...

                                                                  Pagine totali: 1   [ 1 ]   


Visualizzazione ingrandita della mappa

 

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI RAGUSA
Acate Cava di AligaChiaramonte GulfiComiso
 DonnalucataGiarratanaIspica Marina di Modica
 Marina di RagusaModicaMonterosso AlmoPozzallo
Ragusa SampieriSanta Croce CamerinaScicli
 ScoglittiVittoria