Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni

Untitled Document

ITINERARIO DEI CASTELLI NELLE PROVINCIE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

 

::duomo-di-enna»Sacrestia » Storia

Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

 

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Entrando nell'immenso stanzone dell'antisacrestia si può ammirare un prezioso lavabo di marmo bianco scolpito da Don Giovanni Gallina nel 1648 che datò e firmò. Il maestro Arcangelo Candrilli lo stesso anno intagliò con sobri ornati la porta in noce dell'attigua cappella o stanza del tesoro.
Raffaele Russo intagliò nel 1641 l'altare della sacrestia dove fu collocata la bella ed espressiva pala di S.Andrea del 1646 di Giuseppe Bruno pittore ennese.
A sinistra della pala vi è una piccola tela di Madonna con Bambino raffigurante la Madonna della Visitazione.
Gli stucchi della sacrestia, consistenti in due ornati tabelloni lavorati dai maestri Giovan Calogero Calamaro di Nicosia e da Francesco Naccari di Catania, furono eseguiti nel 1661, in seguito vi furono inserite le tele che rafigurano il Martirio di S. Caterina e quello di S. Agata di Pietro Novelli. Ma l'opera che spicca maggiormente è il "casciarizzo" in noce di raro pregio; intagliato con scene di vita di Gesù, l'opera fu diretta da Clemente Bruno ma vista la poderosa rappresentazione, il lavoro si protrasse per diversi anni, dal 1690 al 1704, e fu realizzata da maestri intagliatori quali Damiano Pettorosso, Cosimo e Giovanni Marchiafava e Francesco Sitaiolo. Il lavoro fu ultimato dalle artefici mani dei fratelli ebanisti Francesco, Giuseppe, Alfonso e Nicola Ranfaldi che seppero esprimere con grande abilità i virtuosismi del secolo. Per le dovizie delle sculture che ne rivestono con squisita armonia tutte le parti o come ornati o come pannelli riccamente figurati, l'opera può considerarsi, se non unica, rara nel suo genere.
I pannelli narrano fatti dell'Antico e del Nuovo Testamentoin un linguaggio semplice ed affascinante. L'ultimo importante restauro riguarda le sale della sacrestia.
I lavori sono stati commissionati agli architetti Massimiliano Fontanazza e Danilo Ausiello i quali si sono avvalsi di maestranza ennese. Si è proceduto alla pulitura dei soffitti, alla deumidificazione delle parti in muratura e sono stati rifatti gli intonaci, ad opera del valente capomastro A. Savoca, dando nuova luce alle due sale.
Il restauro del prezioso lavabo marmoreo seicentesco, dello scultore enne G. Gallina è stato affidato al giovane artigiano G. Gervasi. L'opera più importante dal punto di vista artistico è stata la sostituzione della vecchia pavimentazione in maiolica nella quale sono stati inseriti due nuovi dipinti, rispettivamente, nella sala della sacrestia " Mosè che disseta gli ebrei", e nella Cappella della Sacrestia " La raccolta della manna". La pavimentazione in maiolica e i due inserti sono stati realizzati, artigianalmente e su disegni originali, dal meastro artigiano Gaetano Mirisciotti.

La suddetta scheda di approfondimento è stata elaborata con il contributo della redazione "ilcampanileenna.it " e tratta dalla "Guida del Duomo di Enna" per gentile concessione degli autori.




Visualizzazione ingrandita della mappa