Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CALTANISSETTA


Visita il capoluogo

I Comuni
Parco archeologico di Gibil Gabib
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Parco archeologico di Gibil Gabib a Caltanissetta » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Parco archeologico di Gibil Gabib

Parco archeologico di Gibil Gabib


Il parco archeologico di Gibil Gabib è situato a circa 5 km da Caltanissetta su una collinetta che domina il versante sud-orientale della valle del fiume Salso e alla quale i Saraceni diedero il nome di citta' dei morti (Gibil-Gabib,); su di essa fu, infatti, rinvenuta un'importante necropoli, con sepolture che vanno dall'VIII al III secolo a.C.
Il sito è costituito da tre piattaforme digradanti verso sud-est e fu sede di insediamenti preistorici, indigeni divenuto successivamente, centro ellenico e, che qualcuno ha pensato di poter identificare con l'antica Nissa, da cui piu' tardi sarebbe nata la citta' di Caltanissetta.. Gli scavi in quest'area furono iniziati alla metà del 1800 dal Landolina di Rigilfi e vennero ripresi nel 1880 da Antonio Salinas, negli anni '50 da Dinu Adamesteanu ed, infine, nel 1984 . Proprio alla metà del '900 vennero portati alla luce alcuni ambienti risalenti al VI secolo a.C., parti della cinta muraria, e ceramica riferibile alla facies di Castelluccio (età del bronzo antico), mentre negli anni '80 è stato riportato alla luce un vero torrione di difesa della metà del VI sec. a.C., cosa che ha permesso, tra l'altro, di chiarire la destinazione delle cinte murarie rinvenute negli anni '50.
Dagli scavi presso gli ambienti sono stati rinvenuti vasi, oggetti di uso quotidiano, piatti e lucerne. Sono state ritrovate anche una statua di divinità fittile femminile e una testina fittile di offerente che testimoniano l'esistenza di vari spazi di culto nell'abitato. Ai piedi dell' altura si estendevano due necropoli da cui provengono i corredi con ceramica siceliota a figure rosse.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Mussomeli Castello di Falconara






Lascia un commento