Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello di Caccamo
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello di Caccamo a Caccamo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Tour Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Castello di Caccamo

Castello di Caccamo

Maestosamente bello, turrito e merlato, può considerarsi uno dei piùgrandi castelli d'Italia ed il più notevole di quelli esistenti in Sicilia. La sua prima origine pare assai remota ma le notizie diventano più certe quando il dominio della Sicilia passò dai saraceni ai normanni: nel 1094 re Ruggero costituì Caccamo baronia cedendola ai nobili consorti normanni Goffredo e Adelasia Sageyo. Nel 1150 il nobile Bonanno, in seguito al matrimonio con una discendente dei coniugi Sageyo, entra in possesso della signoria e del castello di Caccamo. Il maniero venne ingrandito e fortificato, tanto da divenire rifugio per tutti i baroni del Regno di Sicilia i quali, entro le mura del castello, capitanati da Matteo Bonello, organizzarono nel 1160, una ribellione contro re Guglielmo I detto il Malo e il suo Gran Cancelliere Majone di Bari,che, artefice di soprusi commessi sotto l'egida del sovrano,venne ucciso. Raggiunto un accordo tra il re e i baroni e restaurato il prestigio della Corona, la baronia e il castello di Caccamo vennero confiscati al Bonello, che venne imprigionato e, "dopo avergli cavati gli occhi e tagliati i nervi sopra i talloni, gettato a morire in un fondo di torre". Tutti i suoi beni passarono alla reale giurisdizione. Con la successione al trono di Guglielmo II, ancora bambino, la madre Margherita di Navarra ne concesse la signoria al francese Giovanni Lavardino. Il governo di Lavardino, pessimo sotto ogni aspetto, causò una sommossa popolare in seguito alla quale il signorotto, che si era riparato nella fortezza, fu costretto ad arrendersie a lasciare l'isola. Caccamo ed il castello ritornarono al demanio (1169) con delibera del Parlamento riunito a Messina e potè fregiarsi dell'appellativo di "Urbs generosissima". Sotto Federico II di Svevia (1203) ne divenne signore il genovese Paolo Cicala. Dopo il governo del nobile genovese Paolo Cicala, Connestabile di Sicilia, nel 1215 re Federico, essendo il Cicala morto senza eredi, concesse Caccamo all'arcivescovo di Palermo, Bernardo del Castagno, che la tenne fino al 1267, anno in cui subentrò Fulcone Podio Riccardi, figlio del Vicario di Carlo d'Angiò e dopo di lui il genero, Galasso Estendardo, cavaliere francese, scacciato da una sommossa popolare. Dopo altre numerose vicende, allo scoppio della guerra del Vespro (1282), anche qui si insorse contro i francesi e dal castello partì il gruppo di arcieri che cinse d'assedio il vicino castello di Vicari ed uccise Giovanni de Saint-Rèmy, inflessibile Gran Giustiziere della Val di Mazara e tiranno al soldo di Carlo d'Angiò. Con la dominazione aragonese, la contea di Caccamo venne assegnata a feudatari spagnoli: Federico Prefoglio ne ricevette l'investitura dalle mani del re Pietro d'Aragona nel 1392. Frattanto ebbe inizio, in Sicilia, l'ascesa politica di alcune potenti famiglie locali. La prima famiglia a reggere la signoria di Caccamo fu quella Chiaromonte, con cui si era imparentata Marchisia, figlia del nobile catalano. Ha inizio per Caccamo un periodo di splendore, di ricchezza e agiatezza (1300-1392). Manfredi Chiaromonte, già conte di Modica e siniscalco del Regno, secondo quanto riportato da Inveges, intraprese, "hereditario nomine", lavori di ristrutturazione e di ampliamento per conferire al castello grande importanza e renderlo fortezza inespugnabile dagli attacchi nemici (le fortificazioni chiaramontane consentirono alla popolazione di respingere, nel 1302, l'assalto a sorpresa di un esercito angioino che tentava di aprirsi un varco verso l'interno dell'isola). Nella seconda metà del Trecento la fortezza, completato il suo apparato difensivo, acquista sempre più valore di roccaforte feudale chiaramontana, tale da incutere rispetto non tanto agli avversari esterni, quanto ai nemici interni. In questi anni si rinsalda anche la fedeltà degli abitanti alla dinastia dei Chiaromonte tanto da mutare il nome della cittadina con quello della potente famiglia. In un periodo politico contrassegnato da continui intrighi e profondi contrasti, il declino della famiglia Chiaramonte non tardò a manifestarsi, per culminare nel 1392 con la decapitazione di Andrea, eseguita a Palermo dinanzi allo Steri, il palazzo costruito da Manfredi I, considerato il simbolo della potenza chiaramontana. I beni dei Chiaramonte, compresa la contea di Caccamo, furono confiscati ed assegnati da re Martino ad altri signori feudali, fedeli alla dinastia e sottomessi al potere centrale; la cittadina venne affidata al catalano Gherardo Queralt. Presto però i caccamesi, memori del buon governo chiaramontano, si ribellarono al nuovo signore e, assalita la rocca, ne cacciarono e dispersero il presidio. In seguito a questo episodio re Martino il Giovane, con diploma rilasciato a Catania il 19 marzo 1396, dispose che la città di Caccamo non sarebbe stata mai più affidata ad alcun barone. Nel 1398 la contea di Caccamo fu assegnata a Don Giaimo o Giacomo de Prades, il quale riuscì ad impossessarsi del Castello soltanto dopo aver avuto ragione della aperta ostilità dei caccamesi, in fermento dopo la caduta dei Chiaramonte. La prima preoccupazione del nuovo signore fu la costruzione di fortificazioni particolarmente efficienti, al fine di prevenire eventuali nuove ribellioni dei sudditi, rendendo più sicuro il sistema difensivo del castello, che venne ingrandito ed arricchito notevolmente e creando il grande salone delle armi. Alla morte di Don Giaimo, avvenuta nel 1420, la signoria della città si trasferì per diritto successorio alla figlia Violante, che la portò in dote al marito don Bernardo Cabrera, conte di Modica. Sotto il governo dei Prades-Cabrera, che soggiornarono quasi ininterrottamente nel castello, Caccamo conobbe un periodo di profonde trasformazioni economiche e sociali; furono definiti i confini territoriali con Termini Imerese ponendo fine ad una secolare contesa. In seguito alle nozze di donna Anna Cabrera con Federico Henriquez, ammiraglio di Castiglia, avvenute nel 1480 per volontà di re Ferdinando il Cattolico, al fine di impedire una eventuale unione di questo grande e potente feudo con un altro di pari entit?, la contea di Caccamo passò alla famiglia Henriquez-Cabrera, le cui armi si vedono scolpite sulle sue mura e sotto la cui signoria rimase fino al 1646. Seguirono così due secoli di illuminato governo, durante i quali non si verificò alcuna rivolta, la città si estese gradualmente assumendo un assetto urbanistico più ordinato, ebbero notevole impulso le attività produttive, fiorì un raffinato artigianato di apprezzabile livello artistico. Nel 1641, don Giovanni Alfonso Henriquez de Cabrera, signore di Caccamo e di Modica, grande Almirante di Castiglia, ricevette la nomina a viceré di Sicilia ed il 16 maggio dello stesso anno fece il suo ingresso ufficiale in Palermo. Il 12 novembre 1643 Caccamo fu dallo stesso elevata al rango di città, ripristinando il titolo di "urbs generosissima", attribuito alcuni secoli prima dall'imperatore Federico II, caduto poi in dimenticanza, conferendole anche tutti gli onori e privilegi concessi alle altre città del Regno. Al primo magistrato (Judex) della comunità cittadina (universitas) fu attribuito l'appellativo di "magnifico" ed alla civica amministrazione (Judex et Jurati) venne conferito il diritto di farsi scortare da due mazzieri e quattro conestabili recanti le insegne dell'autorità. Il suo stemma fu quello dell'antica Cartagine, raffigurante una testa di cavallo, secondo il desiderio dei caccamesi che vantavano l'origine punica; con aggiunte le tre gambe di Sicilia. L'Inveges narra infatti come il primitivo suo nome fosse "Caccabe" voce cartaginese che significa testa di cavallo ed antico nome della città di Cartagine poichè, a suo avviso, Caccamo sarebbe stata edificata dai cartaginesi. Detto stemma figura tuttora nell'androne del castello. Pochi anni dopo l'Henriquez, per far fronte ai gravosi oneri finanziari connessi alla nuova carica di viceré di Napoli e soprattutto di ambasciatore di Sua Maestà Cattolica presso la Corte pontificia, fu indotto intorno al 1660 a cedere la baronia di Caccamo a don Filippo Amato, Principe di Galati, per la somma ingentissima di 25.000 scudi. Dopo anni di pace sociale, per i caccamesi si inaugurò un periodo di ingiustizie e di arroganti soprusi tanto da costringere non poche fra le più distinte e cospicue famiglie della città ad emigrare. Alla morte di don Filippo (1653), gli succedette il figlio, don Antonio Amato, signore dotato di spirito liberale e generoso. Questi restaurò il castello e fece erigere all'uscita dell'abitato, sulla strada che conduce a Termini Imerese, una grande porta barocca che da lui prese il nome di Porta Antonia, più tardi demolita. Tra gli altri successori si ricorda Giuseppe Amato, uno dei baroni a sostenere nel Parlamento siciliano del 1812 l'abolizione dell'ordine feudale in Sicilia, a dimostrazione della quale si spogliò di tutti i diritti goduti quale successore dei compagni d'armi del Conte Ruggero di Altavilla. Nel 1813, la signoria di Caccamo tramandata per linea femminile, passò ai De Spuches, che rimasero proprietari del castello fino al 1963, anno in cui verrà acquistato dalla Regione Siciliana. Tra gli esponenti della famiglia De Spuches si distinse, nel secolo scorso, per la profonda cultura umanistica, Don Giuseppe De Spuches, marito della poetessa Giuseppina Turrisi Colonna. Appassionato cultore di letteratura greca trasformò il castello in luogo di incontri letterari ove convenivano i più noti esponenti della cultura del tempo. Al disgregarsi dell'antico potere aristocratico si accompagna la crisi statica dell'edificio: una frana e il terremoto del 1823 rese il maniero un rudere, simbolo della fine della feudalità siciliana. Più volte restaurato esso rivela inevitabili deturpazioni ma ne queste ne le offese del tempo poterono diminuirne l'imponenza. Come arrivarci: con l'autostrada, direzione Palermo-Catania, uscita indicata al Km 26.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva

Descrizione Castello
Caccamo
Il castello di Caccamo, realizzato in pietra calcarea cavata nel suo stesso sito, sorge su uno sperone roccioso, sul versante Nord-Est del monte Calog...

                                                                  Pagine totali: 1   [ 1 ]   



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento