Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline
GASTRONOMIA E RICETTE TIPICHE NELLA CITTA'


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni

:: Polizzi Generosa » Gastronomia

Storia Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Il prodotto di eccellenza del territorio del paese madonita è il fagiolo a badda (a palla), che fa parte dei presidi di Slow food.Il fagiolo coltivato negli orti di Polizzi Generosa si caratterizza sia per la sua forma medio-piccola e tondeggiante (da cui prende il nome "fagiolo a badda" cioè a palla) sia per la sua colorazione bicolore, ovvero avorio con macchie rosate (detto fagiolo a "badda bianco") o avorio con macchie viola scuro quasi nero (detto fagiolo a badda nero o "munachedda"). La semina varia, in relazione alla posizione geografica del terreno, tra giugno e luglio. Per quanto riguarda la raccolta si distinguono due momenti: la raccolta dei baccelli verdi "fasoli virdi" che inizia dopo circa 60 giorni e la raccolta dei fagioli da essiccare che invece inizia a ottobre-novembre.
Da gustare i formaggi e le carni locali e i buonissimi dolci, tra cui lo sfoglio polizzano, la torta con il ripieno di formaggio fresco (tuma) "Lo sfoglio", preparata secondo un'antica ricetta, concepita dalle suore del Convento di Santa Margherita nel Seicento in onore dei festeggiamenti del loro protettore San Benedetto: non è un dolce di pasta sfoglia come il suo nome porterebbe a pensare, bensì una sorta di cassata al forno ripiena di tuma, che è un formaggio siciliano fresco non salato, e zucca candita, cannella e cioccolato.
Ottimi anche i cucciddati (buccellati) preparati con le nocciole, altro tipico prodotto polizzano, le mandorle, la cannella e il cioccolato fondente, e i pastizzotti, con ripieno di conserva di zucca, mandorle e noci. Polizzi è nota anche per la sua ceramica che ha origini molto antiche. Alcuni documenti citati dal Pitrè attestano infatti la produzione delle burnii di Puliczi già nel Quattrocento.