Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Necropoli Punica e Castello della Cuba - Palermo
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Necropoli Punica e Castello della Cuba a Palermo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Necropoli Punica e Castello della Cuba - Palermo

Necropoli Punica e Castello della Cuba - Palermo

Le numerose sepolture rinvenute nella zona ad occidente dell'antico centro abitato - corrispondente all'area oggi compresa tra le attuali piazza Indipendenza, corso Calatafimi, corso Pisani, via Cuba, via Cappuccini e via Pindemonte - costituiscono la testimonianza più concreta e significativa relativa all'antico emporion fenicio-punico di Panormos. I rinvenimenti, succedutisi a partire da 1746 fino ai nostri giorni, interessano un'ampia area, al cui interno si sono finora scoperte centinaia di tombe, per lo più indagate e ricoperte, o distrutte per far posto a nuovi edifici e agli indispensabili servizi a rete. Tuttavia, in anni recenti, si è creata l'opportunità di conservare e rendere fruibile un lembo di questa grande necropoli, localizzato all'interno dell'area della Caserma Tuköry di Corso Calatafimi, in cui sono adeguatamente rappresentati i vari rituali funerari e le diverse tipologie tombali.
Le tombe - che coprono un arco cronologico compreso tra il VI sec. a.C. e gli inizi del III sec. a.C. - sono per lo più ricavate nel banco di calcarenite di origine marina, ricoperto da uno strato di terra rossa: sono attestati i riti dell'inumazione e dell'incinerazione mentre, sotto il profilo tipologico, risultano particolarmente diffuse le tombe a camera ipogeica, le inumazioni in sarcofago litico e le deposizioni in fossa terragna o in cinerario. Per quanto riguarda le tombe a camera, interamente ricavate nel banco di calcarenite, esse sono costituite da una cella ipogeica di forma per lo più rettangolare, con ingresso a NE, a cui si accede attraverso un corridoio a gradini, anch'esso intagliato nella roccia e più o meno ripido a seconda della profondità della camera. L'ingresso è solitamente chiuso da uno o più lastroni di calcarenite e, in qualche caso, segnato da un cippo anch'esso di calcarenite.
All'interno della camera si trovano uno o più sarcofagi adagiati lungo le pareti e poggiati sul pavimento, o ricavati nello stesso banco roccioso: la copertura dei sarcofagi è ottenuta con lastre di calcarenite o con solènes. Gli inumati giacciono per lo più entro i sarcofagi ma non è inusuale rinvenire deposizioni in fossa semplice o entro grandi anfore (sepolture ad enchytrismòs).
Il corredo è solitamente deposto al di fuori del sarcofago ma, in qualche caso, alcuni oggetti sono collocati all'interno, soprattutto quelli personali e d'ornamento. Si tratta per lo più di sepolture collettive che accoglievano, con molta probabilità, i membri di un unico gruppo familiare. In alcuni casi le inumazioni avvenivano entro un sarcofago litico, con copertura per lo più a lastre, poggiato entro una semplice fossa scavata nel banco di calcarenite; tale tipologia sembra caratteristica delle sepolture di individui di età infantile o giovanile ed è caratterizzata dalla deposizione del corredo all'interno del sarcofago, vicino al defunto.
Meno attestate, sotto il profilo tipologico e per quanto riguarda il rito dell'inumazione, sono le sepolture in fossa semplice scavata nella roccia e con copertura a lastre di terracotta.
Per quanto riguarda, invece, il rituale dell'incinerazione - ugualmente diffuso e documentato anche dal rinvenimento di ampie zone caratterizzate da residui di combustione - il defunto veniva adagiato nella fossa e bruciato: accanto veniva successivamente deposto il corredo funebre; in alcuni casi, e soprattutto durante l'età ellenistica (IV-III sec. a.C.) i resti combusti venivano raccolti in un cinerario - la cui imboccatura era chiusa abitualmente con una coppa - a sua volta deposto entro una fossa.
A prescindere dalle ceramiche - soprattutto vasi da mensa destinati al banchetto funebre - la presenza di monili è attestata dal rinvenimento di aghi da collana, bracciali e fermatrecce di vetro, di bronzo o d'argento, mentre pochi sono gli oggetti d'oro, tra cui un anello/sigillo databile al V-IV sec.a.C. raffigurante, nel castone, un personaggio seduto , forse una divinità del pantheon punico. Gli amuleti - rinvenuti in buon numero nella necropoli di Palermo assieme alle caratteristiche uova di struzzo dipinte in nero e rossastro, raffiguranti volti grotteschi caratterizzati da grandi occhi - riproducono per lo più iconografie e motivi legati alla sfera religiosa egiziana.
Analisi antropologiche effettuate su un campione del gruppo umano rinvenuto nella necropoli di Palermo, documentano l'appartenenza etnomorfologica del gruppo umano della necropoli di Palermo a schemi afromediterranei arcaici, a cui tra l'altro richiama lo stretto legame con Cartagine: la statura media maschile è di circa m 1,67, quella femminile di circa m 1,54.
Il materiale ceramico rinvenuto attesta un livello economico abbastanza elevato e, soprattutto, fenomeni assai profondi di interazione culturale tra genti di origine punica e greci: numerose, infatti, oltre ai tipici prodotti di tradizione fenicio-punico, le importazioni dalla Grecia stessa o dalle colonie occidentali, concentrate soprattutto tra la metà del VI ed il V sec. a.C., mentre per il IV e III secolo a.C. le attestazioni più numerose si riferiscono a prodotti vascolari provenienti da fabbriche della Sicilia occidentale.

Indirizzo : Corso Calatafimi, 100
Provincia : Palermo Comune : Palermo
Tel. : 091 590299
Orari ingresso : vedi News scheda e/o sito web
Biglietto singolo intero : €2,00
Biglietto singolo ridotto: €1,00
Biglietto unico cumulativo: Unico cumulativo


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento