Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello di Guzzetta
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello di Guzzetta a Leonforte » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Castello di Guzzetta

Castello di Guzzetta


Il castello è sito sulla Rocca castellaccio di Bozzetta ad ovest sia dell'abitato di Leonforte che del castello di Tavi (cfr.), a m 614 s.l.m., sulla sponda destra dell'omonimo torrente Bozzetta che scorre ai piedi della rocca. Ebbe delle vicende storiche analoghe alla fortezza di Tavi ad Agira ed è attestato per la prima volta nel 1326.
Il paesaggio e collinare e il castello è posto su una sommita da dove si domina un ampio territorio agricolo.
Del castello restano solo pochi ruderi; in particolare è visibile un avanzo di mura con una grande apertura con arco a sesto ribassato che la tradizione identifica con il portone d'accesso al complesso castrale
Stato di consistenza: resti fuori terra visibili che non consentono una lettura ricostruttiva dell'impianto.
Impianto planimetrico: non rilevabile; presumibilmente irregolare, adattantesi alla topografia del sito.
Notizie storiche:
1296 - Fridericus de Antiochia pro feudo Gazette, quod tenet pro uxore - Gregorio 1791-92, II, p. 467.
1320 - è attestato il feudum di Guzzetta - ivi, II, p. 464.
1326 - il castello di Guzzetta è feudo del miles Simone de Esculo - Ada Curie 3, p. 114 doc. 76.
1338 - castrum vocatum la Guzecta; il castello apparteneva a Ruggero di Passaneto ed era stato di Federico di Antiochia - Michele da Piazza, p. 66.
1355 ca. - è citato come castrum Buzetta - Librino 1928, p. 209.
1397 - Martino I concede il feudo ed il castello di Bozzetta a Enrico Grimaldi di Castrogiovanni - SMDS, I, p. 518 (a SMDS si rimanda per le ulteriori notizie patrimoniali).
1408 - nel ruolo dei feudatari risulta il citato Enrico Grimaldi.
1414 - re Ferdinando I conferma a favore dello stesso Grimaldi il precedente privilegio.
1453 - Enrico Grimaldi ha conferma e nuova investitura del castello e feudo suddetto.
1487 - s'investe del castello e feudo della Buzzetta Enrico Grimaldi, nipote del primo.
1516 - reinvestito per il passaggio della corona da Ferdinando il Cattolico a Giovanna e Carlo.
1639 - Giuseppe Graffeo e Grimaldi s'investe come erede della madre Caterina Grimaldi.
1652 - Giuseppe Graffeo e Grimaldi dona il feudo alla sorella Antonia che insieme al marito Francesco Valguarnera se ne investe il 14 novembre 1652.
1666. - s'investe del feudo Giuseppe Valguarnera e Graffeo principe di Valguarnera, figlio di Antonia. II feudo di Buzzetta, tranne che per un brevissimo periodo, resterà ai Valguarnera sino alla abolizione della feudalità.
Proprieta attuale: privata.
Uso attuale: in abbandono.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Tavi ad Agira Torre di Federico a Enna Castello Aragonese di Piazza Armerina Castello di Sperlinga Castello Barresi a Pietraperzia Torre di Nissoria Castello Guzzetta a Leonforte Castello e Borgo di Barrafranca Castello Grande e Castello Piccolo a Nicosia Castello di Cerami Castello di Ruggero a Troina Castello di Valguarnera ad Assoro Castello di Corradino a Centuripe Castello di Gresti a Valguarnera Castello di Lombardia Castello di Gagliano Castelferrato Castello di Aidone






Lascia un commento