Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di MESSINA


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello a Milazzo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Castello

Castello

La penisola di Milazzo protesa verso le Eolie ha rappresentato da sempre uno dei porti più importanti della Sicilia. Una roccaforte sul mar Tirreno che fu sotto il dominio dei Romani e poi degli Arabi. Le prime e rudimentali fortificazioni sono databili alla seconda età della pietra: Neolitico (4.000 a.C. circa). Più tardi, con i primi colonizzatori greci (VIII-VII sec. a.C.), questo modesto agglomerato prese corpo e si ingrandi. Così, l'acropoli ("città fortificata") assunse nuova dimensione sino ad accrescere di ruolo e di importanza con il successivo "castrum" (castello) romano-bizantino. Furono, però, gli Arabi, che dopo l'843 diedero vita al primo nucleo (la parte più antica) dell'attuale castello, sulle rovine e fondamenta delle civiltà locali, greche, romane e bizantine.
Successivamente, i Normanni e gli Svevi edificarono nuove strutture, gli Aragonesi ne adeguarono l'impianto difensivo, ed infine gli Spagnoli lo circondarono con la poderosa cinta bastionata conferendogli le dimensioni di una "cittadella". La configurazione originaria del castello venne ampliata con la costruzione di una mole a presidio della rada che domina l'istmo per volere di Federico II che voleva rendere la città inespugnabile. Il progetto fu curato da Riccardo da Lentini, architetto di fiducia di Federico II, che aggiunse una cinta turrita alle precedenti strutture. Fu ulteriormente rafforzato nel XV sec. da Alfonso d'Aragona che fece costruire cinque poderosi torrioni dalla struttura tronco-conica e dal vicerè Ferrante Gonzaga nel '500.
Nel Settecento subì notevoli danni e dopo le devastazioni in epoca borbonica divenne carcere fino al 1960. Negli anni '80 e '90 è stato oggetto di approfonditi interventi di restauro che hanno permesso il ripristino delle mura spagnole e dei locali dell'ex caserma XX luglio. Oggi il castello, monumento nazionale, con una superficie di oltre 7 ettari di cui 12.070 mq coperti da fabbricati, svetta sul paesaggio di Milazzo alla sommità dell'antico "Borgo".
Come si raggiunge
Autostrada Messina-Palermo, uscita Milazzo, seguire le indicanzioni per il castello.
Date ed orari di apertura:
1 Marzo - 31 Maggio: 10 a.m./13p.m., 15 p.m./18 p.m.
1 Giugno - 31 Agosto: 10 a.m./13p.m., 17 p.m./20 p.m.
1 Settembre - 30 settembre: 10 a.m./13p.m., 15 p.m./18 p.m.
1 Ottobre - 28 Febbraio: 9 a.m./13 p.m., 14:30 p.m./16:30 p.m.

Le visite vengono effettuate ogni ora per una durata di circa 1 ora.
Il costo del biglietto è di: ?3,10 a persona dai 18 ai 64 anni, ?1,60 a persona per minori e over 65, gratuito per i minori di anni 12 e per i portatori di handicap e accompagnatori. Per i gruppi superiori a 20 perosne si effettua una riduzione del biglietto. Sono gratuiti i gruppi scolastici previa esibizione di lista studenti ed accompagnatori didattici.
Maggiori Info: http://www.comune.milazzo.me.it

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva

Castello di Milazzo Castello di Scaletta Zanclea Cittadella di Messina Castello di Montalbano Elicona






Lascia un commento