Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello di Cerami
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello di Cerami a Cerami » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Castello di Cerami

Castello di Cerami


Cerami Si trova a 60 Km. da Enna, 970 mt. s.l.m. nel versante sud del monte Annunziata, in territorio del Parco dei Nebrodi. Nel suo territorio sono stati ritrovati i resti di un villaggio preistorico risalente all'età del Bronzo.
In seguito a varie campagne di scavi archeologici è stata individuata l'area del centro urbano, di età classica, e le tracce di un insediamento bizantino.
Durante il Medioevo il paese si sviluppò intorno al castello.

Ubicato, sulla rocca a monte dell'abitato; accessibile dalla 'salita Castello', i resti del castello rupestre si trovano al culmine della rupe calcarea (1050 m) a picco sul fianco orientale e chiusa fra due sottostanti valli, sulla cui dorsale si adagia il paese. Domina la sottostante vallata, ed è in vista degli abitati di Troina, Gagliano, Agira, Capizzi, Nicosia e, più lontano, Assoro ed Enna.
Vito Amico così lo descrisse: "Siede la rocca celebre sin'ora nel vertice supremo della rupe ripida da Oriente ed Aquilone, e domina tutto il paese; è quivi il palazzo baronale fornito di magnifiche sale e camere da consiglio, e della chiesa di San Giorgio".
Il castello sfruttava la posizione favorevole del sito, un rilievo naturalmente difeso.
Purtroppo rimangono pochissimi avanzi, ulteriormente stravolti dalla costruzione di un serbatoio idrico dell'acquedotto comunale.
Rimane qualche tratto di mura ai lati della rupe: sono costruite in modo irregolare con l'impiego di pezzami di pietra locale legati in abbondante malta.

Notizie storiche:
1065 - Cerami fu affidata dal conte Ruggero al nipote Serlone che, dopo avere sconfitto i saraceni in una epica battaglia, cadde in un agguato - Malaterra, p. 42.
1071 - ricordata come luogo fortificato - ivi, p. 53.
1082 - Cerami viene compresa nella diocesi di Troina con il toponimo di Ceramum - Pirri 1733,1, p. 495.
1087 - Ceramum - Starrabba 1888,1, p.2,doc. I.
1150 ca. - Idrisi scrive che Cerami è "casale [cui sovrasta] un'alta rocca [in arabo ruqqah], è paese prospero, popolato" - Idrisi, in Amari 1880-81, I, p.113.
1151 - in un documento della cattedrale di Messina si fa riferimento alla civitate Cerami - Starrabba 1888, I, p. 2, doc.I.
1157 - fu feudo degli Aleramici sotto Enrico - Peri 1953-56, pp. 249-250.
1170 - un diploma attesta l'esistenza di un castello, dal momento che compare, con altri uomini de Cirama un Bernardus castellanus - Garufì 1899, p. 119, doc. LI.
1296 - da un diploma si rileva che la città era posseduta per due terzi da Pietro di Antiochia: D. Petrus de Antiochia ... duabus partibus Cirami - Gregorio 1791-92, II, p. 467.
1308 - 310 - castrum - Sella 1944, p. 59.
1366 - castrum Chirami - ivi, p.124.
1396 (dic. 5) - Guglielmo Rosso ottiene il castello e la terra di Cerami - SMDS, II, p. 494.
1399 (giu. 12) - il figlio e successore, Aloisio Rosso, s'investì della terra e castello - ibidem.
1408 - castro e terra Chirami - Gregorio 1791-92, II, p. 498.
1453 - nuova investitura per Guglielmo Rosso, figlio di Aloisio - ivi, p. 495.
1455 - (ago. 5), Pietro Ponzio Rosso, s'investì della terra e castello di Cerami per la morte del padre Aloisio, ibidem (Cerami rimase alla famiglia Rosso fino all'abolizione della feudalità).
1558 - "A sette miglia segue Cerami, una volta sobborgo di Capizzi e ora centro fortificato" - Fazello, I, p. 445.
Proprietà attuale: privata; la part. 6 è in fase di acquisizione da parte del Comune.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Tavi ad Agira Torre di Federico a Enna Castello Aragonese di Piazza Armerina Castello di Sperlinga Castello Barresi a Pietraperzia Torre di Nissoria Castello Guzzetta a Leonforte Castello e Borgo di Barrafranca Castello Grande e Castello Piccolo a Nicosia Castello di Cerami Castello di Ruggero a Troina Castello di Valguarnera ad Assoro Castello di Corradino a Centuripe Castello di Gresti a Valguarnera Castello di Lombardia Castello di Gagliano Castelferrato Castello di Aidone






Lascia un commento