Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello Aragonese
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello Aragonese a Piazza Armerina » Storia

Eventi Cartoline Galleria Tour Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Castello Aragonese

Castello Aragonese


Rude castello la cui attuale costruzione risale alla fine del XIV sec. poiché, in quel tempo, re Martino ordinò la trasformazione in munita roccaforte di un antico «cenobio» dei conventuali francescani ai quali fu dato in cambio un preesistente castello normanno, non ritenuto più adatto alla difesa e del quale più nulla sopravvive.
Tra le mura del nuovo edifìzio rimase in funzione la chiesa dei padri francescani ove si celebra ancor oggi la messa per i detenuti. Nel 1396 rè Martino assegnò il castello a Giovanni Suriano, priore di S. Andrea.
In seguito sotto rè Alfonso, (1416 circa), ne fu castellano Alfonso de Cardines i cui eredi ritenendosi «investiti in feudo della proprietà del castello» lo presidiarono con le loro milizie e parte di esso adibirono a prigione.
Sul 1812 infine, con l'abolizione delle «castellanie», il vecchio maniero passato al demanio fu completamente trasformato in carcere.
Tra il tempo di re Alfonso e il 1812 nulla di esso ci viene tramandato e dobbiamo supporlo sempre di proprietà dei Cardines poiché nel 1876, con sentenza del tribunale, ne fu riconosciuta la proprietà agli eredi di detta famiglia.
Essi, riavutolo in possesso, lo affittarono al governo che continuò ad adibirlo a carcere giudiziario.
Massiccio nella sua larga e bassa struttura, con un contro muraglione che ne abbraccia la base e sul quale corre tutto un camminamento, il castello conobbe lo sfarzo della corte di rè Martino e della giovane regina Maria, che vi dimorarono a lungo ed in quel tempo di continue lotte «baronali» qui convocarono i ribelli caltagironesi ai quali diedero il loro augusto perdono. Anche in seguito spesso vi si diedero convegno esponenti della più alta nobiltà siciliana.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento