Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di RAGUSA


Visita il capoluogo

I Comuni
Palazzo Floridia
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Palazzo Floridia a Ragusa » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Palazzo Floridia

Palazzo Floridia

In via Torrenuova, fra i numeri civici 81 ed 87, nei pressi dello spiazzo antistante la chiesa di Santa Maria dello Spasimo, si erge il palazzo Floridia costruito nella seconda metà del settecento su preesistenti fabbriche. Lo si ammira solo di scorcio per via della strada stretta e dell'alto prospetto. Il palazzo non si presenta maestoso come altri edifici di Ibla ma è l'unico di un certo riguardo che si affaccia verso la cava di Santa Domenica. Presenta un prospetto elegantemente elaborato con tre balconi sostenuti da mensole in stile barocco (scolpite a foglie e volute e illeggiadriti da belle decorazioni a conchiglie) e un insolito e caratteristico arco in stile andaluso, di certo raro a trovarsi in tutta la regione.
I finestroni presentano cornici con volute stilizzate e foglie d'acanto, specie quelle laterali con aggettante trabeazione.
Dato il cattivo stato di conservazione e qualche rimaneggiamento a piano terra ben poco resta dell'ingresso principale; solo la porta a destra conserva ancora una bella foglia d'acanto stilizzata.
Bella nella parte sinistra, in alto, la loggetta aperta . La facciata è chiusa superiormente da un'aggettante cornice continua.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento