Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni
Riserva Naturale Foce fiume Platani
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Riserva Naturale Foce fiume Platani a Ribera » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link



" Per garantire la conservazione della popolazione ornitica, favorire la ricostituzione della macchia mediterranea, delle associazioni alofile e delle dune ".


Riserva Naturale Foce fiume Platani

Riserva Naturale Foce fiume Platani


La Riserva Naturale Orientata Foce del fiume Platani è un'area naturale protetta della Sicilia istituita il 4 luglio 1984 dalla Regione Siciliana con la seguente motivazione: "Per garantire la conservazione della popolazione ornitica, favorire la ricostituzione della macchia mediterranea, delle associazioni alofile e delle dune".
La Riserva si estende per 206 ettari e comprende un lungo tratto di costa che va da Cattolica Eraclea a Ribera includendo la parte finale del Platani e il lungo tratto sabbioso di Borgo Bonsignore (un borgo rurale oggi trasformato in luogo di villeggiatura) che è costeggiato da un cordone di dune basse.
L'oasi lambisce il promontorio di Capo Bianco, sede dell'antica citta greca di Eraclea Minoa e proprio sotto l'ingresso della zona archeologica, si trova una piccola strada chiusa alle auto che, dopo circa un chilometro, porta ad un sentiero che scende lungo il versante occidentale di Capo Bianco sino alla immensa spiaggia dove sfocia il fiume Platani.
Qui, in particolare, si è in presenza di un prezioso insieme naturalistico - straordinariamente ricco di biodiversità - costituito da un sistema di dune costiere che si spinge profondamente verso l'entroterra, da una fascia a macchia mediterranea, e da un ampio e sinuoso sistema deltizio ricco di vegetazione palustre e riparale.
Quest'area rappresenta il primo approdo per molti uccelli migratori provenienti dall'Africa e, grazie alla diversificazione degli ambienti, offre rifugio ad una flora rigogliosa e variegata, quindi ad un'avifauna ricca e composita.
Il fiume Platani è uno fra i più importanti della Sicilia: per estensione, egrave; il terzo di tutta la Sicili e nasce dall'unione del Platani di Lercara - detto anche Torrente Morello - e del Platani di Castronovo, uno in territorio di Cammarata (AG) e l'altro nel territorio di Castronovo di Sicilia (PA). Il suo bacino è caratterizzato da rocce perneabili arenaceo-argillose comprendenti calcari gessoso-zolfieri.
Le acque del fiume, infatti, provenienti dalle falde del Monte Cammarata, attraversando la zona dell'altopiano zolfifero, ricca di rocce a cristalli di salgemma, sono particolarmente salmastre come quelle del vicino Imera meridionale, detto fiume Salso.
Il fiume, dopo un percorso di quasi quaranta chilometri e prima di sfociare a mare, si divide in due anse che si ricongiungono in uno dei più suggestivi ed interessanti tratti costieri della Sicilia detto "Capo Bianco" (splendida falesia di marna calcarea a strapiombo sul mare), uno dei pochi lembi della costa agrigentina non devastati da selvaggi insediamenti edilizi.
Attualmente la riserva è gestita dall'Azienda Regionale Foreste Demaniali che, sul litorale, nei pressi della foce del fiume, ha allestito ed attrezzato una zona attraverso un'azione di fitto rimboschimento con pini, acacie ed eucalipti (il complesso di Borgo Bonsignore) attualmente in via di riconversione verso l'originaria macchia mediterranea.
Il fascino della zona è dato dalla presenza di un fitto bosco costiero di eucalipti, pini e di un notevole sottobosco.
La riserva è divisa in due aree con un diverso livello di protezione:
- la zona A di 159,06 ha
- la zona B di 47,82 ha.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Agenda degli itinerari

Vegetazione e flora
Vegetazione e flora
Ribera
La flora è tipica delle aree marine sabbiose con le vistose e profumate fioriture del giglio marino (Pancratum maritinum). Queste belle liliace...

La fauna
La fauna
Ribera
L'area è particolarmente interessante da un punto di vista ornitologico per la presenza di uccelli di passo e stanziali.
La foce del fium...

                                                                  Pagine totali: 1   [ 1 ]   



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento