Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di TRAPANI


Visita il capoluogo

I Comuni

Untitled Document

I CAPOLUOGHI DELLE PROVINCE SICILIANE

Città di Agrigento Città di Caltanissetta Città di Catania Città di Enna Città di Messina Città di Palermo Città di Ragusa Città di Siracusa Città di Trapani

 

::pantelleria»Dal 1500 al 1700 » Storia

Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

 



Balata dei Turchi In passato, luogo di incursione dei pirati, oggi, suggestiva colata lavica sul mare all'estremo sud dell'isola, che conserva ancora intatto il suo stato naturale e selvaggio.


Balata dei Turchi

Balata dei Turchi

Dal 1500 al 1700 Il feudo di Pantelleria rinasce nel 1421 a seguito della concessione dell'Isola a Francesco De Belvis che nel 1491 la vende a Don Luigi Requiesenz. Con il rifiorire della pirateria per opera dei barbareschi dell'Africa settentrionale e dei Turchi, Pantelleria è oggetto di incursioni. Memorabile quella del 1550 che causò distruzione e saccheggio; famose le incursioni di Dragut del 1553 e dei Turchi del 1556.
A seguito delle suddette incursioni gli Spagnoli ritengono che sia indispensabile difendere l'Isola e pertanto inviano milizie ed armamenti al comando di un capitano che ha il compito di governare Pantelleria.
Il Castello ha in questo periodo un ampliamento e viene costruito il bastione dove trovano alloggiamento le artiglierie.
Il 1574 segna l'inizio dell'occupazione spagnola con milizia regia al posto di quella feudataria, per l'Isola il governo spagnolo è paterno e benevolo.