Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di TRAPANI


Visita il capoluogo

I Comuni

Untitled Document

I CAPOLUOGHI DELLE PROVINCE SICILIANE

Città di Agrigento Città di Caltanissetta Città di Catania Città di Enna Città di Messina Città di Palermo Città di Ragusa Città di Siracusa Città di Trapani

 

::pantelleria»I Sesioti » Storia

Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

 

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Sicuramente l'isola venne abitata quando l'uomo raggiunse uno stato avanzato della navigazione ,circa 5000 anni fa, nel neolitico..
Per trovare i primi abitanti dell'isola i "Sesioti" bisogna, infatti, risalire al III millennio a.C.; ad attirarli molto probabilmente è l'ossidiana,la pietra nera e lucida, ottima per la fabbricazione di armi e strumenti da taglio, considerata l'oro della preistoria e tanto preziosa da convincere questa popolazione, proveniente forse dall'Africa forse dalla Spagna, ad affrontare la pericolosità del viaggio insieme alle difficoltà di sopravvivenza, in un'isola così piccola e lontana.
Della loro civiltà ci rimangono maestosi monumenti funerari "Sesi" e i resti di capanne e del ciclopico muro, alto circa 8m e lungo più di 200, eretto a protezione del villaggio e considerato il più grande muro preistorico del Mediterraneo finora scoperto.
Alfonso Manaresi scrive nel suo lavoro "L'Ellade Eterna": "... poco o nulla sappiamo della vita dei neolitici. Una singolare delicatezza d'animo dimostrano nei loro usi funebri. Seppelliscono infatti i loro morti amorosamente rannicchiati..."
Secondo Bernabò Brea, il popolo neolitico abitava la Siria settentrionale e l'Anatolia meridionale. A questo popolo attribuisce abilità navigandi e difatti egli suppone che abbia attraversato il mediterraneo pervenendo in Italia, in Africa settentrionale, in Spagna e in Francia.
Si suppone che i neolitici siano venuti a Pantelleria dalla Tunisia e precisamente da Kelibia e che abbiano fatto più viaggi, dovendo trasportare bagagli, persone, animali.
La data dello sbarco risalirebbe ad oltre 5000 anni fa con l'approdo nella cala di Modica (Mursia) .
Presero dimora a Cimillia ed edificarono capanne in muratura addossate le une alle altre e inoltre recintarono l'abitato di un mastodontico muraglione, di cui rimane il lato Est.
Nulla si è reperito che ci possa far parlare della fine dei Sesioti, né del periodo compreso fra la loro scomparsa e l'arrivo dei Fenici. In questo lungo lasso di tempo, compare Ulisse, turista nell'Isola. Difatti nel primo canto dell'Odissea si legge: "... in mezzo al mare in un Isola, ov'è l'umbilico del ponto..." è nel quinto canto "... ma quando all'Isola giunto fu poi, che remota sorgeva..." e infine nel canto VII "...sorge un'Isola Ogigia nei gorghi remoti del mare...". Orbene, se il centro del Mediterraneo è il canale di Sicilia, se il centro del canale di Sicilia è un'Isola, l'ombelico di questo canale è l'isola di Pantelleria, Ogigia, la dimora di Calipso, la bella ninfa che Ulisse ammira nella "grande spelonca" cioè nella grotta di Sateria, l'unica che abbia analogia con la descrizione omerica.