Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di TRAPANI


Visita il capoluogo

I Comuni

Untitled Document

ITINERARIO DEI CASTELLI NELLE PROVINCIE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

 

::isola-di-mozia»Santuario di Cappiddazzu » Storia

Video Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

 



Il santuario del Cappiddazzu, in uso dal periodo fenicio fino a quello bizantino. Le strutture di diverse epoche si trovano qui sovrapposte. Le strutture più vecchie sono state datate al VII a C.



Piantina

All'interno delle mura e a poca distanza dalla Porta Nord si trova l'area sacra del santuario di Cappiddazzu, che in siciliano significa "cappello largo", sorto probabilmente verso gli inizi del VII secolo a.C., come provano le strutture murarie più antiche, fatte di pietrame a secco, e una serie di fosse scavate nella roccia e profonde circa 30 cm, disposte all'interno di una fossa più grande, nelle quali furono rinvenute ossa di ovini e bovini, utilizzate dunque probabilmente per i sacrifici.
In una seconda fase, attribuita alla seconda metà del VII secolo a.C. venne costruito un primo edificio con muretti in pietrame grezzo, affiancato da un pozzetto costruito nella medesima tecnica. Ad una terza fase del V secolo a.C. sono riferibili frammenti architettonici di capitelli d'anta a gola egizia pertinenti ad un edificio in pietra che dovette essere distrutto nell'assedio del 397 a.C. e i cui materiali furono poi riutilizzati nelle fondazioni dell'edificio ricostruito. I resti meglio visibili risalgono alla sua riedificazione nel IV sec. a.C. in un grande edificiova pianta tripartita a nord, inserito in un recinto di m 27,40 x 35,40.
Davanti all'edificio sacro si conserva una struttura costituita da una lastra di pietra rettangolare con un grosso foro al centro e due semifori ai lati, posta entro un recinto in pietre rozzamente sagomate e destinata probabilmente a contenere tre betili conici. Si conservano inoltre i resti di una grande cisterna ovale e tracce di intonaci e pavimenti di diverse epoche (saggi recenti hanno individuato tracce di interventi tra il I secolo a.C. e il V secolo d.C. I resti di una piccola basilica bizantina furono eliminati negli scavi degli inizi del Novecento e sono conosciuti solo da uno schizzo.