Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CALTANISSETTA


Visita il capoluogo

I Comuni
Il sito di Sabucina
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Il sito di Sabucina a Caltanissetta » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Il sito di Sabucina

Il sito di Sabucina


Il Sito di di Sabucina si trova a circa 10 Km. a NE di Caltanissetta, in una posizione strategica che domina la valle del Salso, l'antico Imera, e si eleva a m. 720 m. s.l.m. Insieme alla montagna di Capodarso, la montagna diSabucina controlla il punto in cui la valle del Salso si restringe e proprio per questa ubicazione strategica e geografica essa occupò nell'antichità una posizione di notevole rilievo a controllo delle vie di penetrazione militare e commerciale verso il territorio più interno di questa parte dell'isola, coincidente con l'area dell'antica Sikania.
Pertanto, anche se nel corso dei secoli mutarono le condizioni storiche e politiche, sul sito di Sabucina si susseguirono una serie di insediamenti, i quali, scanditi da poche interruzioni, si collocano cronologicamente dall'età del bronzo antico (fine III - inizi del II millennio a. C.) all'età ellenistica (inizi del III sec. a. C.). I dati archeologici ricavati dall'indagine scientifica e metodologica consentono di delineare nella maniera seguente le varie fasi di vita del centro di Sabucina.
Nell'età del bronzo antico, ai piedi della montagna di Sabucina, esistevano alcuni villaggi di facies castellucciana (XXIII-XV sec. a. C.);
Tra il XIII e il X sec. a. C., sui pendii della collina di Sabucina sorse un esteso abitato capannicolo della facies di Pantalica Nord del quale è stato possibile distinguere tre momenti di uso;
Tra il X e il IX sec. a. C., un modesto abitato riferibile all'o-rizzonte culturale di Cassibile, si impiantò sui resti del precedente villaggio capannicolo;
Tra l'VIII ed il VII sec. a. C., un nuovo insediamento con case rettangolari occupò la vetta e le pendici dell'altura e furono organizzate anche le aree di culto;
Nel VI sec. a. C., il sito venne ellenizzato dai coloni greci di Gela nell?ambito del loro progetto espansionistico verso l'interno della Sicilia, secondo un preciso disegno politico e militare, che prevedeva la fondazione di phouria (centri fortificati), o vere e proprie poleìs, a controllo delle vie di penetrazione commerciale e militare. In questo periodo furono costruiti il muro di fortificazione e gli ambienti a destinazione domestica.
Intorno alla metà del V sec. a. C., il centro subì una violenta distruzione; come tanti altri centri fortificati, ad opera di Ducezio, durante la rivolta delle città sicule contro i Greci (Diod. Xl, 91);
Nella seconda metà del IV sec. a. C., la città fu ricostrui-ta e chiusa da una nuova fortificazione, rafforzata da torri;
Nel corso del IV sec. a. C., Sabucina, così come tante altre città dell'Isola, fu nuovamente ripopolata, ad opera di Timoleonte, con nuovi coloni; l'abitato fu ricostruito e il muro di fortificazione rinforzato;
Dopo il 310 a. C. il sito fu abbandonato e la popolazio-ne si trasferì in fattorie e borghi ubicati ai piedi della collina;
Per l'età romana, imperiale soprattutto, si ha la testimonianza del formarsi di fattorie e ville nella pianura che si estende ai piedi della montagna, come suggerisce, peraltro, il complesso abitativo di Piano della Clesia e la relativa necropoli in contrada Lannari, dalla quale proviene il busto ritratto marmoreo dell?imperatore Geta (206-212 d.C.).
Quasi tutti i reperti di Sabucina sono attualmente custoditi nel museo archeologico di Caltanissetta mentre nel parco sono ancora visibili i resti delle abitazioni delle popolazioni che abitarono il sito nel tempo, poi, a sud ovest del villaggio, l'area sacra , probabilmente dedicata a divinità ctonie, e la Necropoli

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Mussomeli Castello di Falconara






Lascia un commento