Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Bosco di Ficuzza - Corleone
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Bosco di Ficuzza a Corleone » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Bosco di Ficuzza - Corleone

Bosco di Ficuzza - Corleone


Trasferitosi a Ficuzza Ferdinando IV di Borbone si adoperò a costituire una delle sue più grandi riserve di caccia. Così vennero riuniti i feudi di Lupo, Ficuzza Cappelliere, costituiti i confini con muraglie in pietra e pilieri recanti la scritta "R.R.", reali riserve, imposte norme restrittive alla libera caccia. Altresì, il re dotò il bosco di una rete viaria e si adoperò alla cura dei boschi, al ripopolamento della selvaggina, facendo arrivare da fuori cinghiali, daini e cervi. Inoltre fece costruire in vari posti del bosco rifugi per i guardiacaccia, masserie e ricoveri per gli armenti, avendo costituito grossi allevamenti di bovini e di ovini. Diversi luoghi erano cari al re perché legati alle sue principali attività di svago, la caccia e la pesca.
Il "pulpito del re", un soglio ricavato in un grosso masso di arenarea dove il "comodo cacciatore" si appostava per sparare ai lepri, cinghiali e daini; la "pescheria del Gorgo del Drago", uno stagno alimentato da una sorgente perenne dove il re, durante il riposo venatorio per il ripopolamento della selvaggina, si dilettava a pescare, ospite nella adiacente casa, ormai un rudere. Tutto a Ficuzza è tenuto con cura ed interesse, fino a che il re Ferdinando vi risiede. Prima con la rivolta del 1820 e poi con il definitivo ritorno a Napoli del re Ferdinando IV, il bosco e le opere da lui realizzate subirono molti danni e distruzione. I successori non ebbero l'amore e la capacità del re Ferdinando nel continuare l'opera e la gestione dei beni, per cui si assistette via via ad un totale abbandono culminato con la fine della dinastia borbonica. Molti beni, comunque, vengono venduti a privati, mentre i tre feudi principali, Lupo, Ficuzza, Cappelliere, dichiarati inalienabili da una legge del 1871, costituiscono la foresta di Ficuzza. Inizia così l'opera di ricostruzione che dura fino all'arrivo dei conflitti bellici, a causa dei quali, soprattutto durante la seconda guerra mondiale, il bosco viene tagliato a raso per ricavarne carbone vegetale, e molte parti di esso sono date alle fiamme per strategia militare durante l'avanzamento delle truppe alleate. La superficie boscata è cosi ridotta a pochi nuclei di alberi e ovunque si notano i segni del degrado ambientale. Pian piano un'accurata ed intensa opera di rimboschimento e di risanamento forestale ha nel tempo portato il bosco di Ficuzza ad una totale ripresa, e oggi è una delle più belle ed interessanti distese di verde forestale della Sicilia.
Le sue innumerevoli peculiarità sia sotto l'aspetto naturalistico sia sotto l'aspetto storico-architettonico ne fanno una delle più ambite mete turistiche ed escursionistiche. Lo scenario che si pone davanti al turista che arriva a Ficuzza è incantevole: un nugolo di case attorno al maestoso palazzo che si erge fra il verde intenso del bosco, completato dalla cornice della rocca Busambra, imponente complesso calcareo dolomitico posto a ventaglio sul lato sud. Per la sua particolare flora, ricca di migliaia di specie e di tanti endemismi, per l'abbondante presenza di fauna sia stanziale sia migratoria, per i diversi siti storici e archeologici, l'area di Ficuzza viene dichiarata dalla legge n. 98/81 Riserva Naturale Orientata con la dizione "Bosco Ficuzza e Rocca Busambra". La riserva si presenta come un mosaico di aspetti vegetazionali naturali, seminaturali ed umano-rurali che vanno dalla macchia foresta mediterranea ai pascoli, dai rimboschimenti alle colture agricole, creando paesaggi di rara bellezza e varietà, e aspetti della biodiversità vegetale e complessità degli ecosistemi di grande valore scientifico. Ampie radure verdeggianti si aprono nelle valli ammantate di folto bosco e attraversate da piccoli torrenti, caratteristici per la loro copertura vegetale a volta che crea habitat ideali per diversi tipi di uccelli. In tutte le stagioni la visita alla riserva è gradevole ed interessante, perché si ha la possibilità di godere di stupendi panorami somiglianti a tele acquerellate, dai tenui colori primaverili alle tinte forti dell'autunno e al candido bianco della natura coperta di neve.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento