Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
I Bagni di Cefala Diana
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::I Bagni a Cefalà Diana » Storia

Eventi Video Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



I Bagni di Cefala Diana

I Bagni di Cefala Diana




I Bagni di Cefalà Diana, databili nella loro versione monumentale al XII secolo, costituiscono il più antico esempio in Italia di struttura architettonica costruita per sfruttare una sorgente termale a scopi curativi. Le acque inoltre erano probabilmente canalizzate anche per usi agricoli.
I Bagni consistono in un edificio a pianta rettangolare, che ha all'esterno muri in pietra irregolare con una fascia in tufo con tracce di scrittura in caratteri cufici (arabi). La tradizione attribuisce infatti la sua costruzione al periodo arabo, ma è stata formulata un'altra ipotesi, basata su criteri storico-costruttivi, che fa risalire ai romani l'impianto originale, su cui è stata costruita in età normanna, con maestranze arabe, la volta.
Il monumento ingloba una fonte da cui sgorgava acqua calda (a 35/38 gradi) che affluiva nelle vasche interrate nel pavimento a due livelli. e secondo recenti ricostruzioni faceva parte, in età normanna, di un complesso che si può definire ospedaliero, nel senso che il medioevo islamico dava a questa espressione.
L’esterno è caratterizzato dalla presenza di una fascia epigrafica in caratteri cufici.
L’interno dell’edificio è diviso in due parti da un suggestivo e caratteristico muro a tre archi, di cui il centrale ogivale. L’ambiente di maggiori dimensioni, di circa m. 14 x 6,5, è coperto da una volta ad arco ogivale ribassato e ospita tre vasche collegate tra loro.
Dopo il suo parziale crollo vi è stata una ricostruzione nel XV secolo. Nell'edificio termale si aprivano 5 porte (di cui 2 murate e 2 trasformate in finestre), che davano accesso all'unica sala. l piccolo complesso è incluso nella Riserva naturale Bagni di Cefalà Diana e Chiarastella, istituita nel 1997, e si incontrano varie sorgenti a temperature diverse che sgorgano da rocce carbonatiche.
Da Palermo vi si arriva per la statale 121 per Agrigento. Da questa si imbocca la strada per Bolognetta, si attraversa il paese, si prosegue verso Cefalà Diana e si trova sulla sinistra l’indicazione e il complesso dei Bagni.
Indirizzo : Cefalà Diana (seguire indicazioni)
Provincia : Palermo Comune : Cefala' Diana
Tel. : 0917071425 - Rangers 0918291551

Orari ingresso : giovedì e sabato ore 9,00-19,00 (ultimo ingresso, ore 18,30); martedì, mercoledì, venerdì ore 9,00-14,00 (ultimo ingresso, ore 13,30); lunedì, domenica e festivi chiuso; prima domenica del mese apertura gratuita ore 9,00-14,00 (ultimo ingresso, ore 13,30)
Biglietto singolo intero : Gratuito
Biglietto singolo ridotto: Gratuito





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento