Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline
ITINERARI CONSIGLIATI


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni

::Fortino di Mazzallakkar a Sambuca di Sicilia » Itinerari consigliati

Storia Eventi Galleria Brochure Commenti Link

Seguendo le indicazioni Lago Arancio - Sambuca di Sicilia, immettersi sulla strada consortile indicata dalla segnaletica, fino a raggiungere il lago, meta di numerose specie di uccelli migratori. Qui è possibile effettuare una piacevole passeggiata all'interno del bosco della Risinata, in prossimità del lago, area verde vasta mista a conifere mediterranee, querce e varie specie arbustive ed erbacee. Sicuramente un luogo incantevole dove passare del tempo per apprezzare la natura ed ascoltarne i suoni. Il luogo è anche dotato di area attrezzata, con barbecues, servizi e giochi per bambini.
Proseguendo fino a Sambuca di Sicilia, città di origine araba fondata nell'827 dall'emiro Zabuth (lo splendido), è possibile visitare i suggestivi vicoli e quartieri saraceni, le cui espressioni più vive sono li setti vaneddi, la Chiesa di la Matrici e lu Calvariu, resti dell'antico castello dell'Emiro, intrecciati a facciate barocche e palazzi dell'800.
Importanti anche la Chiesa del Carmine con la statua marmorea della Madonna dell'Udienza, che la terza domenica di maggio si festeggia con una processione cinquecentenaria che passa per le principali vie del centro storico, e la Chiesa di San Michele con il fercolo equestre in legno di San Giorgio che trafigge il drago, patrono di Sambuca (festa 23 aprile).
Nei pressi del lago rimane il fortino arabo di Mazzallakkar, restaurato, del quale emergono le torri nei soli mesi estivi quando il livello del lago si abbassa. Da Sambuca risalire la strada che conduce ad Adragna e continuare seguendo la segnaletica che indica gli scavi archeologici di Adranone, antica ed imponente città fenicio-punica ridata alla luce, Adranone, violentemente distrutta,come hanno dimostrato gli archeologi e gli storici, intorno alla metà del II secolo a.C., di cui sono stati riportati alla luce non solo la necropoli e le poderosa cinta muraria, ma anche vasti settori dell'area urbana e suburbana, nonché una serie di reperti in ottimo stato di conservazione.