Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CATANIA


Visita il capoluogo

I Comuni

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani

:: San Giovanni la Punta » La storia

Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?


(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)






A 350 m s.l.m.e a 9 km da Catania sulle pendici sud-orientali dell'Etna.
Nel territorio sussistono avanzi greco-romani che testimoniano la presenza di popolazione in quel periodo. Citato nell'antichità come Joannes de Puncta, era uno dei numerosi casali (agglomerati rurali) di Catania dalla quale fu a lungo dipendente.
Il toponimo "Joannes de Puncta" viene fatto risalire alla conformazione geomorfica del territorio, probabilmente collegata alla colata lavica del 1444, fermatasi all'entrata del borgo, già all'epoca esistente.
Appartenne ai Conti di Massa, Duchi di Acicastello, i quali nel 1646 l'ottennero con altri casali dai consultori del regio erario e si rese comune autonomo da Catania in seguito all'acquisto fattone da Giovanni Andrea Massa.
Nel 1652, però, Catania la ricomprò insieme ad altri casali.
Di lì a breve venne nuovamente alienato al Massa, il cui figlio ottenne il titolo di duca di S. Giovanni La Punta.
Nel 1681 la sua popolazione raggiungeva il migliaio di anime. Venne raso al suolo dal terremoto del 1693, in cui si contarono fino a 15 morti. Nel 1737 aveva 1.297 abitanti e nel 1798 calava a 850. Nel periodo 1806-1831 registrò un aumento di popolazione pari al 60%, come attestano i riveli (censimenti) di quegli anni. San Giovanni la Punta divenne comune autonomo con la riforma borbonica del 1817, come da Regio Decreto n. 122.
Nel 1831 vi fu aggregata la frazione di Trappeto. Nella cittadina sono nati il celebre vulcanologo Giuseppe Recupero (1720-1778) autore di un libro intitolato "Storia naturale e generale dell'Etna" e insigne docente all'Università degli Studi di Catania e l'esperto linguista Gabriele Allegra (1907-1976) che per primo tradusse la Sacra Bibbia in lingua cinese e nonché autore di un Dizionario biblico sempre in lingua cinese.

Economia:
Oggi San Giovanni la Punta, data la vicinanza con Catania, gravita economicamente su di essa.
Notevolissimo è il pendolarismo con Catania Vi sono piccole fabbriche di materiali da costruzione, di bevande e aziende per la lavorazione di prodotti agricoli e zootecnici
Prodotti agricoli: uva da vino, agrumi, cereali.

Segnala presso:



Visualizzazione ingrandita della mappa

COMUNI E LOCALITA' NELLA PROVINCIA DI CATANIA
Aci BonaccorsiAci CastelloAci CatenaAci Sant Antonio
Acireale AcitrezzaAdranoBelpasso
BiancavillaBronteCalatabianoCaltagirone
Camporotondo EtneoCastel di IudicaCastiglione di SiciliaCatania
Fiumefreddo di SiciliaGiarreGrammicheleGravina di catania
Licodia EubeaLinguaglossaMalettoManiace
MascaliMascaluciaMazzarroneMilitello in Val di Catania
MiloMineoMirabella ImbaccariMisterbianco
Motta Sant AnastasiaNicolosiPalagoniaPaterno
PedaraPiedimonte EtneoRaddusaRagalna
RamaccaRandazzoRipostoSan Cono
San Giovanni la PuntaSan Gregorio di CataniaSan Michele di GanzariaSan Pietro Clarenza
Sant Agata li BattiatiSant AlfioSanta Maria di LicodiaSanta Venerina
ScordiaTrecastagniTremestieri EtneoValverde
ViagrandeVizziniZafferana Etnea