Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Villa dei Caduti
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Villa dei Caduti a Ficarazzi » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Villa dei Caduti

Villa dei Caduti

Nota anche come Parco della rimembranza venne costruito nel 1932 presso una piazza denominata Largo Torre. A fianco di un piccolo monumento, a perenne memoria del sacrificio compiuto dai combattenti, una lapide riporta incisi i nomi dei caduti ficarazzesi.
A sinistra della villa, è ben visibile la torre Ficarazzelli attorno alla quale è logico supporre che esistessero le case occupate dai braccianti che, disposte a forma circolare, costituivano un "Baglio", un basso edificio con un grande cortile al centro, il più delle volte anch’esso merlato e fortificato. Attorno alla torre si sviluppò dunque il borgo di Ficarazzelli.
Le sue connotazioni, che rispondono al carattere della spontaneità, sono caratteristiche delle borgate che si sono sviluppate ai margini o nei pressi della città di Palermo. Ancora agli inizi del XIX secolo, Ficarazzelli risulta ben distinto da Ficarazzi e così sembra fosse anche nel 1912 quando viene attestata una configurazione autonoma per Ficarazzelli. Lo sviluppo del paese di Ficarazzi,inserito nel raggruppamento tipologico degli impianti lineari, ha fatto si che, via via, si esaurissero gli spazi edificabili lungo la via consolare tracciata dai romani (la statale 113) fino al congiungimento dei due nuclei distinti di Ficarazzi e Ficarazzelli. Nel 1971 è infatti attestata la saldatura dei due borghi e la conseguente creazione di un rettifilo, lungo più di un chilometro, alle cui estremità si collocano le due Chiese, di San Girolamo e di Sant'Atanasio.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento