Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Villa Cattolica
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Villa Cattolica-Museo Renato Guttuso a Bagheria » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Villa Cattolica

Villa Cattolica

Via Rammacca, 9



In prossimità dell'ingresso del Comune di Bagheria, in un'incantevole zona circondata dal verde, si erge austera Villa Cattolica. Costruita nel 1736 da Francesco Bonanno, principe di Cattolica Eraclea, la villa, circondata da alte mura merlate, appare come un castello di grande mole con un'artistica architettura barocca con mura di cinta del giardino dotate di merlatura. Dal 1830 la famiglia Bonanno perde la proprietà e la villa prende diversi usi: lazzaretto, caserma, e infine alla fine del 1800 viene acquistata da Gioacchino Scaduto che la utilizza come abitazione e fabbrica di conserve alimentari.
La villa si presenta a base quadrangolare con due esedre parallele, una delle quali accoglie lo scalone; nell'altra è presente un'ampia terrazza con loggiato sottostante, recentemente recuperato dal comune di Bagheria.Al centro della struttura è presente lo stemma di Giuseppe Bonanni.
Guardando verso la parte superiore del fronte in cui si svolge lo scalone, sopra il balcone centrale, si può osservare lo stemma di Giuseppe Bonanni e Filangeri, principe di Cattolica, e l'incisione della data di edificazione del palazzo.
Dal 1973, in seguito ad una generosa donazione di opere del maestro pittore Renato Guttuso a Bagheria, il piano nobile è la sede del museo Guttuso. Il comune acquisì definitivamente la villa nel 1988 e due anni dopo, nel 1990, nell'esedra settentrionale è stato collocato il sarcofago monumentale disegnato dall'amico fraterno Giacomo Manzù, per ospitare le spoglie del pittore e la trasformò ufficialmente nel Museo Renato Guttuso. Nel Museo sono conservate opere di Onofrio Tomaselli, Silvestre Cuffaro, Domenico Quattrociocchi, Pina Calì, Vincenzo Gennaro e Giuseppe Pellitteri.
Nel corso degli anni altre opere sono state accolte ed esposte all'interno del museo. Dagli anni 2000 il piano terra è occupato da un laboratorio teatrale e da due laboratori pittorici: due antiche "putìe": quella dei pittori di carretto dei fratelli Ducato, e quella del maestro Durante, scultore della pietra d'Aspra.

Per info: www.museoguttuso.it





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento