Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni
San Giovanni Battista
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::San Giovanni Battista a Campobello di Licata » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

Piazza XX Settembre



Il nucleo centrale della Chiesa Madre fu edificato nel 1681 per volontà del barone Raimondo Sammartino. La fabbrica di dimensioni metri 20 per 7 costituisce oggi il transetto dell'attuale Chiesa.
Il nucleo originario fu ampliato nel 1760 ad opera di Padre Ludovico da Mazzarino. Nello stesso periodo la Chiesa fu eretta a Parrocchia. La monumentale facciata in stile rinascimentale sicilianizzato fu realizzata nel 1869 ad opera di maestranze locali e i lavori di completamento terminarono nel 1875 con la realizzazione del campanile e dell'orologio.
Nel 1997 furono avviati i lavori di restauro dell'intero complesso portati a termine l'anno successivo durante i quali furono sostituite due campane.

Descrizione
La Chiesa di San Giovanni Battista domina la scena urbana della piazza principale di Campobello di Licata. La monumentale facciata di ispirazione rinascimentale è orientata a nord e si configura come una vera e propria quinta dell'ampio sagrato antistante. L'aula liturgica presenta un impianto a croce latina distribuito lungo tre navate e separate da archi sorretti da pilastri con sezione a croce. L'apparato decorativo in stile ionico arricchisce le superfici murali interne ed esterne della Chiesa e diviene, dunque, il motivo unificatore dell'intera fabbrica.
Rialzata di circa 30 cm rispetto all'aula, l'area absidale è caratterizzata dalla presenza di un altare in marmo inquadrato da due colonne binate anch'esse in marmo. Sopra il tabernacolo, situato al centro, è visibile una nicchia semicircolare entro cui vi è posto il simulacro della Madonna dell'Aiuto; la Chiesa, infatti, in occasione del Congresso Mariano svolto nel 1947 a Campobello di Licata, viene proclamata Santuario della Madonna dell'aiuto.
Al termine delle due navate laterali sono ubicate due cappelle, quella di destra dedicata a San Giovanni Battista, quella di sinistra al Sacro Cuore di Gesù. Quest'ultima presenta superfici decorate con stucchi in stile barocco e un altare in marmo policromo con nicchia semicircolare inquadrata da due colonne toritili che accoglie la statua del Sacro Cuore di Gesù. Lungo le pareti spiccano le quattro statue decorative che raffigurano S. Chiara di Assisi, S. Margherita Alacoque, S. Giovanni Maria Vianney e S. Pier Giuliano Eymars. La cappella dedicata a San Giovanni Battista presenta anch'essa un altare marmoreo e una nicchia entro cui è collocata la statua lignea del Santo realizzata nella fine del XVIII secolo. Il fronte principale del complesso domina su piazza XX Settembre, fulcro del paese. Scandito in tre ordini da cornici marcapiano, presenta un pronao d'accesso sorretto da colonne lisce con capitello ionico e base collocata su un piedistallo monolitico in pietra calcarea. Le due colonne fanno da cornice al portale ligneo concluso da un arco a tutto sesto. Il prospetto è interamente decorato da elementi realizzati in calcarenite e la parte sommitale presenta un timpano triangolare che conclude la zona campanaria.
L'intero complesso della Chiesa Madre di Campobello di Licata si configura, a livello planimetrico, come un unico isolato rettangolare. L'aula liturgica presenta un impianto a croce latina a tre navate e si conclude con un catino absidale semicircolare.





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento