Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di MESSINA


Visita il capoluogo

I Comuni
S. Caterina di Alessandria di Egitto
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::S. Caterina di Alessandria di Egitto a Taormina » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



S. Caterina di Alessandria di Egitto

S. Caterina di Alessandria di Egitto




La Chiesa di Santa Caterina d'Alessandria d'Egitto sorge sulle rovine dell'Odeon, costruito a sua volta sui resti di un tempio greco dedicato probabilmente ad Afrodite. La chiesa in stile barocco fu costruita nella prima metà del 1600. Lo storico Mons. Giovanni Di Giovanni, nella sua "Storia ecclesiastica di Taormina", ci racconta che: "la famiglia dei Cappuccini venne a Taormina circa l'anno 1559 (1551) ; costruì da principio il suo piccolo convento fuori le mura, nella parte settentrionale che guarda Messina, presso l'antica chiesa di S. Caterina; ma questa poi, l'anno 1610, il giorno 27 di aprile, fu dai suoi Rettori e Confrati, con il consenso di S.E. Pietro Ruiz, arcivescovo di Messina, che allora si trovava in Taormina in corso di visita pastorale, venduta ai medesimi Padri, intenti ad ingrandire il convento, al prezzo di 2.000 fiorini, la qual somma promisero di pagare i nobili e pii cittadini Nicolò Mancuso, Barone di Fiumefreddo, di S. Basilio e di Càrcaci, Fabrizio Mancuso, Giuseppe Corvaja, Arcangelo Zumbo e Giuseppe di Agosta, ad effetto di fabbricarsi una nuova chiesa, sotto il titolo di S. Caterina, dentro le mura".
Dunque, per testimonianza dello storico Mons. Di Giovanni, sappiamo che prima dell'attuale chiesa di S. Caterina d'Alessandria, esisteva un'altra chiesa di S. Caterina fuori le mura, cioè l'attuale chiesa dei Cappuccini, tenuta ora dalle Suore Antoniane "Figlie del Divino Zelo", Ordine fondato dal Canonico Annibale Maria di Francia, le quali, oltre all'Orfanotrofio femminile, gestiscono un asilo infantile.Quando i Frati Cappuccini comprarono l'antica chiesa di S. Caterina d'Alessandria, i nobili cittadini Taorminesi citati si impegnarono a pagare per i Fraticelli i 2.000 fiorini del prezzo di vendita, a condizione di costruirsi una nuova chiesa da intitolare a S. Caterina d'Alessandria e situata dentro le mura della città.
Circa la fondazione della nuova chiesa di S. Caterina d'Alessandria, la data certa della sua costruzione non ci è nota; sappiamo che nel 1610 avvenne la vendita dell'antica chiesa di S. Caterina, fuori le mura, ai Frati Cappuccini e che quei nobili Taorminesi si impegnarono a pagare i 2.000 fiorini per conto dei Frati, con la condizione di erigere una nuova chiesa intitolata a S. Caterina entro le mura.
Si può arguire che la fabbrica sia iniziata subito dopo questo contratto di compravendita, ma non sappiamo quando fu iniziata la costruzione e quando fu terminata; come data indicativa abbiamo quella che è scolpita sulla lapide dell'ossario che c'era sul pavimento e che dopo il restauro è stata sistemata nel muro accanto alla scala d'accesso alla cripta della chiesa e che è il 1663.Sulla lapide c'è questa iscrizione in latino: "Sit nomen numen divae, et coluisse paretis, omen ut hic cineres, astra petantaiae", che traduciamo: "Sia il nome della santa potenza divina e sia l'avere onorato i genitori l'augurio affinché queste anime vadano in cielo". Il 1663 indica certo la data della posa di questa lapide e non quella della costruzione della chiesa, dato che dal 1610 al 1663 corrono ben 53 anni, che sono troppi per edificare una piccola chiesa come la nostra. Per cui possiamo affermare che la nuova chiesa di S. Caterina d'Alessandria fu costruita nella prima metà del 1600, a partire dal 1610, che è la nostra data certa.
La fontanella in marmo rosso di Taormina che c'è nella Sagrestia, porta in cima all'arco della nicchia questa dedica: "Reparatae, Salutis Anno 1787", cioè, restaurata nell'anno della Salvazione 1787.
Entrando a destra su di una colonna è posta la statua in marmo di Santa Caterina risalente al 1493; la statua è piccola e tozza, e rappresenta la Santa che tiene nella mano destra la palma del martirio e nella sinistra un libro aperto, che indica la sua condizione di nobildonna colta e profonda in filosofia. Oltre che la palma, la sua destra tiene la spada con cui uccide un essere demoniaco che, supino ai suoi piedi, cerca di allontanare dalla sua gola la lama della spada; certo questo dèmone rappresenta i suoi persecutori, su cui la Santa ha trionfato dando testimonianza della sua fede cristiana. La statua si trovava prima nell'antica chiesa di S. Caterina fuori le mura, l'attuale chiesa dei Cappuccini.
Un'altra statua della Santa è posta all'esterno sulla facciata, sopra il portale, in una nicchia con ai lati due angioletti sdraiati lateralmente sopra i monconi del frontone spezzato che sovrasta il portale: questa seconda statua di S. Caterina d'Alessandria, rappresentata come l'altra con la spada nella mano destra e la palma del martirio nella sinistra, e con in più una corona in testa, è attribuita allo scultore Paolo Greco che la fece nel 1705.
Il bel portale, fatto con marmo rosa di Taormina, sia negli stipiti che nell'architrave, che si apre nella facciata, è ornato ai lati da due colonne con alte basi e capitelli di stile corinzio che sostengono un frontone spezzato, anche questi in marmo rosa di Taormina. Tutte le altre aperture della facciata sono realizzate in pietra di Siracusa. Ancora più in alto della statua si apre una finestra molto elaborata, i cui stipiti sono decorati da due cariatidi poste in cima ad essi, mentre l'architrave riproduce il frontone di un tempio greco; è questo un altro motivo di ispirazione derivante dall'esistenza in loco del tempio greco, che pensiamo fosse dedicato ad Afrodite (Venere), a causa delle conchiglie che ornano la facciata della Sagrestia.Un mini campanile, incorporato nella facciata, decora lo spigolo alto a sinistra di essa e mostra una sola campana.
A sinistra del portale principale si apre la porta della sagrestia, la cui bassa facciata è decorata da due finestrelle-oblò ornate da conchiglie marine, mentre altre due conchiglie arricchiscono l'architrave della porta.
In alto, questa bassa facciata della Sagrestia mostra un pannello a bassorilievo raffigurante due figure sotto una croce, ed il bassorilievo è rovinato dal tempo, per cui non si capisce il significato della rappresentazione.
Tutte le aperture di questa facciata, come pure il bassorilievo, sono realizzate in pietra di Siracusa, che è una dolce pietra calcarea di color paglino che. che con l'andar del tempo si deteriora sotto l'azione degli agenti atmosferici.
Sembra che la Sagrestia sia anteriore, come costruzione, alla chiesa dì S. Caterina d'Alessandria, e che risalga al 500; forse, in origine, essa era una cappella se stante, e poi diventò la Sagrestia della nuova chiesa.
Come abbiamo detto, basandoci sulle conchiglie che decorano la facciata della Sagrestia, essendo esse un simbolo di Venere, l'Afrodite Anadiomene dei Greci, cioè che nasce dalla spuma del mare, pensiamo che il tempio greco che c'era dove fu costruita la chiesa, era dedicato a Venere, e la supposizione e seducente, dato che Venere era la dea della Bellezza e non c'era posto migliore dell'Agorà per edificarle un tempio, cioè il cuore della città, e di una città bella come Taormina.
Come abbiamo avuto modo il dire , la chiesa di S. Caterina d'Alessandria dentro le mura fu costruita addosso ai ruderi del Teatrino Romano (Odeon), di cui distrusse parte dell'orchestra e la scena, che era costituita del colonnato del preesistente tempio greco forse dedicato ad Afrodite.
L'interno della chiesa è ad una sola navata con soffitto a capriata di travi di legno. Lo stile architettonico è chiaramente barocco, data l'epoca in cui fu costruita, cioè il 600, in cui nacque e si affermò questo stile. Al di sotto del portale principale c'è una bella cripta che è stata messa in luce durante il recente restauro, in cui anticamente venivano sepolti e conservati come mummie i cadaveri di persone importanti, mentre un grande ossario fungeva da tomba comune sotto il pavimento della chiesa.
L'altare maggiore ha la parte fatto coi policromi marmi di Taormina, mentre quella superiore è in legno intarsiato e pitturato, secondo la tradizione delle "Pale d'Altare", raffiguranti Madonne e Santi, ed è originale del 600.
A destra e a sinistra dell'altare maggiore ci sono due altari minori, ognuno dei quali è adornato da due colonne a tortiglione di gesso, che ripetono il motivo del frontone spezzato del portale principale e che mostrano in cima ad ognuna un angioletto in posizione inneggiante. Anche l'altar maggiore è decorato da due colonne a tortiglione di gesso che recano in cima i soliti angioletti, che costituiscono uno dei motivi decorativi dell'architettura di questa chiesa barocca.
Quattro grandi quadri ad olio decorano i due altari minori e le due pareti laterali.
Rimasta per circa 40 anni in stato di precarietà e chiusa, la chiesa di Santa Caterina d'Alessandria è stata restaurata e riaperta al culto il 25 novembre del 1977. Il restauro ha messo in luce nel lato destro della chiesa e sotto il pavimento,anche i ruderi di muri e di acciottolato di epoca greco-romana, che sono stati lasciati in vista, recintati da una bassa ringhiera in ferro battuto,
A proposito della statua della Santa collocata nella nicchia al centro del prospetto e sopra il portale possiamo assicurare che essa e opera di Paolo Greco, come si legge nella sua base, in cui c'è questa iscrizione: "Paulus Greco sculpì anno DNI 1705". cioè, Paolo Greco scolpi nell'anno del Signore 1705. Come si vede, in questa frase c'è una concessione alla lingua volgare italiana nel verbo "sculpi", e anche in questa statua come nell'antica, la Santa Alessandrina è rappresentata nell'atto di uccidere con la spada un essere demoniaco supino ai suoi piedi e che rappresenta i suoi persecutori.
Tornando alla prima statua deI 1493 aggiungiamo che essa sta sopra una ruota dentata e che nel suo plinto (piedistallo) sono rappresentate scene del martirio di S. Caterina, in cui si vede la Santa posta fra due ruote e due carnefici, e da questa ripetizione della figura della ruota si deduce che il supplizio a cui la Santa fu sottoposta fu quello dello stritolamento fra due ruote dentate e fatte girare l'una contro l'altra e con la Santa legata ad una di esse. Nel plinto dell'antica statua c'è anche una scena di fustigazione, ci sono due teste di Serafini e c'è lo stemma di Taormina. Infine, diciamo che la chiesa di S. Caterina è illuminata all'interno da tre grandi lampadari di cristallo, di cui uno enorme al centro e due più piccoli nei due bracci del transetto, cioè il braccio orizzontale della pianta a croce latina che costituisce l'architettura della chiesa.





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento