Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Porta Janniscuru - Enna
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Porta Janniscuru a Enna » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Porta Janniscuru - Enna

Porta Janniscuru - Enna


Le strade d’accesso alla città confluivano in una serie di porte maggiori e minori.
Sette erano le porte di ingesso alla città: Porta di Lombardia (o Porta di Cerere),Porta S. Agata (o Porta di Kamut, o dei Saraceni, o dei Carusi), Porta di Portosalvo,Porta Pisciotto, Porta Palerm, Porta di Papardura e Porta Janniscuru.Quest’ultima è l’unica ancora oggi visibile. Delle altre, se non vennero demolite prima (nella seconda metò dell’800, era usanza, da parte dei cittadini , rubare di notte le pietre delle torri crollate per usarle per i muri delle proprie abitazioni), si sa con certezza che vennero abbattute dopo l’elevazione di Enna a capoluogo di provincia, nel 1927, per rendere possibile l’allargamento della rete stradale. La funzione di queste porte, che sorgevano nei punti strategici della città, era militare e civile: una volta chiusi i punti deboli delle rocche, la città diventava sicura e inespugnabile.
La Porta di Janniscuru, si erge a guardia di una rupe sulle ripidi pendici a sud-ovest, ai piedi della Chiesa dello Spirito Santo. Alta circa 5 metri e larga 2, la sua realizzazione può collocarsi nel medioevo, tra il periodo greco e quello bizantino-musulmano. Quel che si vede oggi sono i resti di un arco romano a tutto sesto, dodici file di blocchi orizzontali in alto, merlature, venti conci sulla porta e altri trentuno sull’arco interno. Subito dopo l’arco, a sinistra, si apre la Grotta della Guardiola: qui secoli fa sono state scolpite cellette dove erano poste statue votive, quindi si presume che fosse un primitivo luogo di culto.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Tavi ad Agira Torre di Federico a Enna Castello Aragonese di Piazza Armerina Castello di Sperlinga Castello Barresi a Pietraperzia Torre di Nissoria Castello Guzzetta a Leonforte Castello e Borgo di Barrafranca Castello Grande e Castello Piccolo a Nicosia Castello di Cerami Castello di Ruggero a Troina Castello di Valguarnera ad Assoro Castello di Corradino a Centuripe Castello di Gresti a Valguarnera Castello di Lombardia Castello di Gagliano Castelferrato Castello di Aidone






Lascia un commento