Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Museo Storia Naturale e del Carretto - Terrasini
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Museo Storia Naturale e del Carretto a Terrasini » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Museo Storia Naturale e del Carretto - Terrasini

Museo Storia Naturale e del Carretto - Terrasini


Il Museo di Storia naturale e del carretto nasce nell' aprile del 2001 a Terrasini, con un accordo tra il comune di Terrasini e l'Assessorato Regionale BB.CC.AA. e P.I. La Regione Sicilia ha curato l’allestimento del Palazzo d’Aumale,dato in comodato quale sede del Museo e dal quale si può godere di una splendida vista sul lungomare. L’edificio architettonico ottocentesco, che sorge sul lungomare di Terrasini, fu fatto edificare dal Principe di Partanna e Duca di Floridia, Don Vincenzo Grifeo, ed acquisito in seguito dal Duca d’Aumale Henry d'Orleans, figlio di Luigi Filippo, re di Francia e di Maria Amelia di Borbone, col fine di sistemarvi i magazzini per la conservazione del vino, che il Duca produceva nella sua fattoria dello Zucco, poco distante da Terrasini.
Questo edificio ebbe per lungo tempo funzione di magazzino per la conservazione del vino ed oggi è diviso in una sezione etnoantropologica, una archeologica e dalla sezione naturalistica, che a sua volta comprende le collezioni: paleontologica, teriologica, malacologica, entomologica e ornitologica e dei mammiferi acquisite da tempo al Demanio Regionale oltre che da reperti archeologici marini e terrestri rinvenuti durante le campagne di scavo sul territorio.
La collezione entomologica è quella numericamente più ampia, con circa 1500 cassette che raccolgono numerosi insetti esotici e buona parte delle specie dell'entomofauna della Sicilia. Nella raccolta ornitologica si trovano, tra le altre, la collezione di Carlo Orlando e Antonio Trischitta e 10.000 esemplari di specie non solo europee, ma anche esotiche, e comprende numerosi nidi e uova. L'esposizione è stata eseguita con la volontà di mettere in evidenza l'evoluzione delle specie. Molto interessante è la ricostruzione dell'habitat di Capo Rama, il promontorio che chiude a est il golfo di Castellammare. Molto importanti anche le conchiglie della collezione malacologica, provenienti dagli oceani Pacifico, Indiano e Africano. Le altre sezioni meritano una visita, sia quella storico-etnografica che quella archeologica. La prima vanta una particolarissima collezione sul carretto siciliano, illustrandone le varie tipologie, nonché la ricchezza decorativa, mentre la seconda mostra soprattutto reperti marini, recuperati da navi romane.
Nelle more di una definitiva sistemazione museografica, lo spazio espositivo si è sviluppato lungo un percorso che documenta la storia culturale e naturale dell’Isola. Per la sua capacità di legare e fondere insieme l’universale e il particolare e cioè per la sua capacità potenziale di essere da un lato struttura legata al territorio locale e dall’altro organismo di cultura, e come tale trascendente le realtà locali, il Museo diviene punto di riferimento per tutte le Istituzioni che operano nei settori ad esso connesso.
Il Museo ha tra i suoi obiettivi principali quello della promozione culturale da attuare attraverso la valorizzazione, divulgazione e fruizione dei propri Beni. Per il raggiungimento di tali finalità sono state avviate una serie di attività riguardanti:
- la conservazione dei Beni, attraverso un primo riordino delle collezioni;
- l’attività didattica, attraverso la realizzazione della prima fase del progetto “Scuola-Museo”; destinato a favorire la comunicazione tra il mondo della scuola e il mondo della cultura;
- l’allestimento del percorso museografico delle diverse Sezioni Tecniche, attraverso la realizzazione di mostre temporanee tematiche (Il sacro per mare per terra; Conchiglie tra natura e cultura);
- la divulgazione, attraverso la produzione di DVD (sulla cantieristica tradizionale, sul carretto siciliano, sui simboli dell’arte popolare) e pubblicazioni di materiale informativo sulle attività del Museo (Brochure inerenti le mostre, inerenti le collezioni, inerenti Palazzo d’Aumale, la cantieristica navale).
Museo storia Naturale e del Carretto
Lungomare P. Impastato, 1 - 90049 | Terrasini, Palermo
Tel. +39 091 8683178


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento