Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CALTANISSETTA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di Santa Maria di Nazareth
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di Santa Maria di Nazareth a San Cataldo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di Santa Maria di Nazareth

Chiesa di Santa Maria di Nazareth

Via Piersanti Mattarella



La chiesa di S.Maria di Nazareth è stata costruita tra il 2005 e il 2008 su progetto dell'architetto Giuseppe Di Vita, con la consulenza tecnica degli ingegneri Salvatore Andaloro, Calogero Arcarese, Cataldo Giammusso, Filippo Vitale e il geologo Angelo La Rosa. L'edificio è stato solennemente aperto al culto il 16 giugno 2008.

Descrizione

Situata nel quartiere periferico Babbaurra di San Cataldo, la chiesa è un interessante opera di architettura contemporanea. Volumetricamente è una sorta prisma obliquo, a pianta trapezoidale, coperto dalla superficie arcuata del tetto che si imposta sui muri est ed ovest su altezze differenti. Il prospetto ovest, più alto e inclinato, è traforato da finestre che inondano di luce lo spazio interno. Il prospetto principale si affaccia sul sagrato, cerniera compositiva dell'intero complesso costituito dalla canonica, dalle aule catechiste e dalla sagrestia. Il portone decentrato, inserito in una struttura di calcestruzzo di cemento armato a vista, ha l'apertura centrale affiancata da due pannelli in bronzo dell'artista slovacco Peter Porazik, rappresentanti l'annuncio dell'angelo a Giuseppe. Il vestibolo ha il battistero posto sul lato nord, illuminato da un'ampia vetrata. L'aula rettangolare ha cinque cappelle comunicanti, poste a ovest, schermate da una struttura intelaiata a tre livelli che richiama i matronei. Ad est è posto il luogo di adorazione del Santissimo, uno spazio trapezoidalecon il muro perimetrale di pietra decorato con un pannello di terracotta rappresentante quattro scene evangeliche del Porazik: l'annunciazione, la natività di Gesù, la casa di Nazareth, Gesù adolescente tra i dottori del tempio. Tale spazio è concluso dalla cappella del Santissimo, illuminato da una vetrata con vetri soffiati legati a piombo dell'artista Marcella Fratelli, raffigurante l'Agnello mistico, dove è collocato il tabernacolo. Nella parete di fondo del presbiterio, rivestita di pietra, è posto il Crocifisso dello scultore Hubert Mussner, in asse con la sedia del celebrante; la statua della Madonna col Bambino dello stesso scultore è posta su un dado a sbalzo della parete intonacata, in asse con l'ambone. Pianta ad aula. Edificio con struttura portante in calcestruzzo di cemento armato, copertura curva.
Presbiterio realizzato in marmo perlato di Sicilia.
Altare e ambone realizzati con lastre di Pietra di Comiso nel .
Fonte battesimale e tabernacolo realizzati in pietra di Comiso. Lo sportello del tabernacolo, in argento, è stato realizzato dall'argentiere palermitano Benedetto Gelardi su disegno dell'architetto Giuseppe Di Vita, il disegno richiama le croci della dedicazione.





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento