Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CALTANISSETTA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di San Francesco ex Cappuccini
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di San Francesco ex Cappuccini a San Cataldo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di San Francesco ex Cappuccini

Chiesa di San Francesco ex Cappuccini

Piazza San Francesco

La chiesa di San Francesco d'Assisi, già chiesa dei Cappuccini, venne fondata nel 1724 per volere del principe Giuseppe Galletti. I lavori si protrassero per circa sei anni e venne consacrata nel 1738, come attesta la lapide posta sul muro di destra della chiesa. Dall'anno della consacrazione, vi venne trasferita, insieme con il quadro della Madonna, la festa di Maria SS.Assunta, che si celebrava nella Chiesa Madre. L'annesso convento dei cappuccini conservava una biblioteca, ricchissima di volumi e di pregevoli opere teologiche, filosofiche, storiche, scientifiche, nonché di molti manoscritti.
I cappuccini rimasero in paese fino alla soppressione degli ordini religiosi avvenuta nel 1866 dopo di che il convento si trasformò in ospizio per anziani e la chiesa divenne comunale e continuò ad accogliere i defunti fino alla fine dell'Ottocento, nonostante fosse stato aperto nel 1840 il cimitero comunale.
L'altare maggiore della chiesa secondo il restauratore Rosario Prizzi, potrebbe attribuirsi a Felice da Sambuca. Nella chiesa si possono ammirare: l'altare maggiore, vero e proprio gioiello in legno con colonnine e capitelli pregevolmente rifiniti, scolpiti da un monaco del convento e il tabernacolo, che ha sulla cupoletta una statuina del buon Pastore e i quattro altari laterali. La base dell'altare è abbellita da quattro statue raffiguranti i quattro evangelisti, sormontati dalle tre virtù teologali: fede, speranza, carità; e di seguito, San Paolo e Mosè. Vi sono inoltre le figure degli arcangeli Gabriele, Michele e Raffaele; più in alto spiccano le statuette di San Pietro, San Paolo, San Giuseppe e San Giovanni Battista; al centro il Padre Eterno.
A destra, entrando nella chiesa si trovano, oltre alle lapide in marmo con iscrizione in latino, troviamo: - l'altare di Maria SS. Assunta con la statua della Madonna del 1957 che sta per spiccare il volo,che viene condotta in processione il 15 agosto e sostituisce l'opera in cera della Madonna dormiente che adesso si trova in chiesa madre, nel transetto destro, sotto l'altare del Crocifisso; - l'altare del SS. Crocifisso, dove fa una meravigliosa mostra di se un crocifisso in legno e a grandezza naturale, opera dello stesso monaco che scolpì l'altare maggiore.
A sinistra si trovano due altari; tra l'uno e l'altro c'era un pulpito in legno, al quale si accedeva dal corridoio d'ingresso nel convento.
Lo sfondo dell'altare maggiore, anch'esso in legno pregiato, conserva sotto cristalli molte reliquie di santi nascoste da un quadro a sali-scendi, raffigurante la Madonna e Gesù bambino con ai lati San Michele, San Giuseppe, San Francesco, Santa Chiara e San Cataldo. Sulle reliquie, al centro dell'altare, spicca un medaglione in legno intarsiato con la scritta: "Ite ad Joseph-Gennaio 1538" e ai due lati due statuette raffiguranti una coppia regale: probabilmente il re Ludovico e la regina Elisabetta di Ungheria, terziari francescani.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento