Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di TRAPANI


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di San Francesco - Marsala
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di San Francesco a Marsala » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di San Francesco - Marsala

Chiesa di San Francesco - Marsala


La Chiesa di San Francesco a Marsala e l'omonimo convento risultano già nel 1334 nell'elenco delle fondazioni francescane. All'inizio del XV secolo la chiesa doveva già essere piuttosto importante se da essa aveva preso il nome uno dei quattro quartieri della città.
Tra il 1537 ed il 1560 l'Ammiraglio Requisenz dona ai frati le sue case nella cui area vengono riedificati e ingranditi la Chiesa e l'annesso convento. La chiesa assunse l'attuale forma ai primi del XVIII secolo, tra il 1740 ed il 1750, con la totale ristrutturazione ad opera del noto architetto trapanese Giovanni Biagio Amico,nell'ultima fase della sua attività. La facciata è divisa in due ordini da una cornice marcapiano; nel prospetto della chiesa, irregolare e con intelaiatura a paraste in chiaro stile cinquecentesco, risalta il monumentale portale di stampo manieristico, opera dell'architetto Amico, creando un singolare effetto scenografico attraverso una combinazione di colonne su alti plinti, capitelli e timpani spezzati, culminanti con un fastigio a nicchia che custodisce la statua di S. Francesco d'Assisi. Il portale è preceduto da una scalinata a profilo mistilineo. La chiesa è ad unica navata con alta cupola e breve transetto, a croce latina con tre cappelle per lato, ed è caratterizzata dalla forte presenza di bianchi stucchi architettonici decorativi con profili neri. Ricca di capolavori, la chiesa era già nel '700 considerata seconda per pregio e bellezze solo alla chiesa Madre.
Costituiscono elementi di grande rilievo artistico e anche architettonico i due pregevoli altari, della Madonna di Loreto e del Crocifisso, realizzati in stucco con lesene, colonne, festoni, puttini, forse opera di un seguace del Serpotta; la statua della Madonna di Loreto, posta nella prima cappella a sinistra, considerata una delle migliori opere del Gagini del 1492; la statua di S. Vittorio di scuola gaginesca; un pregevole crocifisso ligneo del XVI secolo attribuito allo scultore trapanese fra' Benedetto Valenza, che può essere considerato uno dei più importanti esempi di scultura cinquecentesca a Marsala.
Le tante opere contenute all'interno della chiesa dispongono di accurati pannelli esplicativi sia in lingua italiana che in inglese.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento