Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di SIRACUSA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di S.Antonio Abate-Melilli
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di S.Antonio Abate a Melilli » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di S.Antonio Abate-Melilli

Chiesa di S.Antonio Abate-Melilli

La chiesa di Sant'Antonio Abate, con annesso il convento dei Frati Minori Osservanti (non più esistente), sorge tra le Vie Vittorio Emanuele, Donizetti e Mazzini,presso il quartiere della Torre (uno dei quattro quartieri medievali che formavano l’antica Melilli medievale). Posta nel quartiere Torre, è la Chiesa più vecchia di Melilli poichè venne edificata nel 1698 (ad appena cinque anni dal catastrofico terremoto del 1693 che distrusse la prima Chiesa consacrata al “Santo Eremita Egiziano”) e lo si nota anche dalle caratteristiche architettoniche di essa.
Adiacente alla chiesa vi è un'alta torre campanaria con orologio meccanico ben visibile da ogni parte del paese. La facciata è di forma quadrata (posta presso la Via Mazzini) ed è caratterizzata da due corpi bugnati che sorgono affianco a delle colonne con capitelli ionici che sorreggono l’unico frontone (di forme sobrie ed eleganti) che corona la Chiesa. L'ingresso è impreziosito da un portale di forma rettangolare sormontato da un travone liscio sopra cui è posta la finestra centrale dell’edificio sacro. Il portale è rivestito da sei grandi pannelli in bronzo, con scene in bassorilievo, realizzati dallo scultore catanese Domenico Girbino, raffiguranti Sant'Antonio Abate, , “Sant’Anna”, “Il Cristo alla Colonna” e Angeli svolazzanti nei restati pannelli.
Presso il prospetto di Via Vittorio Emanuele possiamo ammirare un elegante balcone ricavato presso un portale incompleto (che molto probabilmente doveva essere quello originario, ma poi si preferì completare la facciata presso il lato opposto). Esso si presenta inquadrato da eleganti pilastri che sorreggono un elegante travone sopra cui è collocata una finestrella tondeggiante. A sinistra della Chiesa era posto il Convento dei Frati Minori Osservanti, che venne demolito alla fine dell’800.
All'interno della chiesa, ad unica navata, si può ammirare lo splendido Altare Maggiore in marmo policromo recante alle spalle due tele di forma ovale raffiguranti rispettivamente “La Gloria di San Benedetto” e i “Santi Benedetto e Scolastica”.
Sui quattro altari laterali in pietra locale si trovano le sculture di Sant' Antonio Abate, di Sant'Anna Madre di Maria, della Madonna Bambina e lo straziante gruppo scultoreo dell'Ecce Homo. Quest'ultima rappresenta Cristo seduto con una corona di spine sul capo, le mani legate sorreggenti una canna, coperto in parte da un mantello rosso e con le carni martoriate dai flagelli inflitti da due soldati romani.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento