Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di S.Alfonso
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di S.Alfonso a Alimena » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di S.Alfonso

Chiesa di S.Alfonso

La Chiesa di Sant'Alfonso dei Liguori è posta sul Colle Quisisana a poco più di 800 m s.l.m. da dove la vista spazia sul sottostante paese, verso le Madonie e in lontanza Enna, Calascibetta, Villapriolo, Resuttano e Caltanissetta. Fu un' antica torre di avvistamento a forma ottagonale, risalente al Seicento. Successivamente dotata di cupolone e ristrutturata, si eleva civettuola sul colle a protezione del paese e di esso è l'emblema inconfondibile. Fu trasformata in chiesa, con l'aggiunta del cupolone per copertura, nel 1837 per volere del popolo, rimasto colpito dalla predicazione dei Liquorini. Al Santo si ricorreva e si ricorre ancora in occasione di periodi di siccità per implorare la pioggia. La statua col corpo di legno ed i paramenti in carta pesta e portata in processione per le vie dell'abitato, poiché tenuta in grande considerazione come «captatio benevolentiae» onde ottenere il miracolo. Un tempo sotto il pavimento venivano seppelliti i notabili del paese, mentre tutti gli altri morti trovavano posto nel grande vano sotterraneo, scavato nel tufo, cui si accede dalla sacrestia. Alcuni anni fa è stata restaurata, essendo stata per alcuni anni trascurata e depauperata degli ornamenti.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©
Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento