Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa di S. Orsola
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa di S. Orsola a Pietraperzia » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa di S. Orsola

Chiesa di S. Orsola

Via Trieste, 102



L'esistenza della chiesa la si conosce già nel 1700 sotto il nome di chiesa Sant'Orsola e Compagne vergini, nella quale vi era la devozione della Vergine Addolorata, festeggiata nel mese di settembre. Per tale motivo la chiesa veniva indifferentemente chiamata Madonna della Pietà oppure dell'Addolorata o di Sant'Orsola. L'edificio è sempre stato utilizzato dalla Congregazione delle Suore Orsoline.
Intorno al 1950 la chiesa venne interamente ristrutturata e risanata dall'umidità di risalita. La facciata principale originariamente in pietrame e gesso, venne ricostruita in blocchi squadrati di pietra arenaria. Internamente fu rinnovata la pavimentazione e furono ricollocate con diverso ordine i dipinti e le statue.
Con il contributo dell'Otto per mille alla Chiesa Cattolica erogato dalla CEI è stato possibile realizzare alcuni importanti interventi nell'edificio: risanamento del degrado causato dall'umidità da risalita e dalle infiltrazioni delle acque meteoriche; manutenzione ordinaria e straordinaria delle coperture; realizzazione di uno scannafosso perimetrale; rifacimento degli intonaci interni ed esterni. Si è inoltre, nel corso dei lavori, provveduto al restauro degli elementi delle facciate, nella quale sono stati inseriti un timpano triangolare di coronamento e la loggia campanaria. Riuso inoltre di un ingresso secondario e dei servizi igienici.

Descrizione
L'edificio è composto da un'unica aula unica conclusa da presbiterio quadrato e dalla sacrestia. La navata a impianto rettangolare è coperta da volta a botte lunettata e nel presbiterio da volta a crociera. La struttura portante della copertura è lignea con manto in coppi siciliani. Il paramento murario esterno si presenta in blocchi squadrati di pietra arenaria lasciato a vista in facciata e intonacato in parte nel prospetto laterale.
Le pareti interne sono intonacate.
Presenta finestre in corrispondenza delle lunette dell'aula e del presbiterio rialzato in cui è collocato un altare di recente fattura. Nella parte di fondo vi è un incavo quadrato incorniciato da stucchi, contro cui è collocato il Crocifisso.
La sagrestia ha uno schema planimetrico rettangolare con ingresso secondario, accesso ai servizi igienici e attraverso un corridoio accesso a un locale di servizio soppalcato.
Il prospetto ha un andamento quadrangolare con timpano triangolare e loggia campanaria a sinistra. Paramento murario in blocchi squadrati di pietra arenaria ad apparecchiatura regolare. Il portale è incorniciato dagli stessi blocchi di pietra squadrati e finestra sovrastante.
I prospetti laterali sono in parte intonacati e in parte con pietrame sbozzato lasciati a vista.
Il campanile di recente fattura, con struttura in pietra locale squadrata è composto da loggia aperta su unico fronte, marcata da cornici all'imposta e a coronamento dell'attico.
L'altare, tabernacolo così come l'ambone (inserito nel 2012) sono in pietra di gesso locale.




Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento