Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CALTANISSETTA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa della Addolorata
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa della Addolorata a Niscemi » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa della Addolorata

Chiesa della Addolorata




La Chiesa dell'Addolorata e del Ss. Crocifisso, fu costruita nel 1753 nel suolo che ospitava la Chiesina dello Spasimo punto di ritrovo della Confraternita del SS. Crocifisso e delle Consorelle di Maria SS. Addolorata, dall'architetto Silvestro Gugliara di Caltagirone,dai fratelli Calcagno e grazie anche all'aiuto delle due Confraternite e delle donazioni di molti cittadini.
L'architettura della Chiesa a forma ottagonale e di stile barocco romano, si intreccia all'esterno nel contrasto tra la pietra scura che marca le membrature e l'intonaco chiaro della muratura.
Cristo in croce in legno, scolpito da Antonino Lo Verde di LicataLa Chiesa è dotata di tre altari scolpiti da Domenico Viola di Catania con disegni barocchi ed in marmi policromi rari e pregiati. Sul soffitto della chiesa campeggia l'affresco raffigurante Cristo, la Madonna e S. Giovanni evangelista. Importante è pure la scultura del Cristo in croce in legno posto sull'altare maggiore della Chiesa. La chiesa contiene sotto il pavimento una cripta sotterranea con un altare, gli essiccatoi, gli ossai e le sepolture per i confrati e le consorelle.





Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento