Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa del Calvario
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa del Calvario a Centuripe » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa del Calvario

Chiesa del Calvario

Monte Calvario

Le origini della chiesetta risalgono al 1927 per interessamento di Padre Vincenzo Sfilio.Fu costruita dal capomastro Giovanni Battista Senfet con l'aiuto materiale di tutto il popolo centuripino, che saliva il materiale da costruzione a mano sul viottolo impervio.
Una ripida scalinata in pietra lavica conduce alla piccola chiesa del Calvario che dalla sua altezza domina tutta la cittadina di Centuripe.La facciata è in pietra coperta da intonaco e rispecchia nella sua struttura lo spazio interno esagonale sormontato da una cupola su tamburo esagonale anch'essa.
Pianta centrale esagonale. Pavimento interno in lastre di marmo bianco.Pavimentazione loggiato in pietra lavica e cotto. Cupola su tamburo esagonale. Copertura a padiglione.
All'interno della chiesetta si trova un quadro dell'Addolorata e il SS.Crocifisso.Ogni anno il tre di maggio la chiesetta viene aperta ai fedeli in occasione della festa dell'Esaltazione della Santa Croce, in passato celebrata in modo più solenne.A Centuripe esiste un detto " Cu voli campari a' stu munnu filici, pensa ca' u tri di maggiu a Santa Cruci".

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento