Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa dei santi Ciro e Giorgio martiri
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa dei santi Ciro e Giorgio martiri a Marineo » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa dei santi Ciro e Giorgio martiri

Chiesa dei santi Ciro e Giorgio martiri

Corso dei Mille,182

La chiesa risale alla metà del secolo XV, ultimata nel 1562 venne originariamente dedicata a San Giorgio. Essa sorge su un basamento rialzato adibito in parte a catacomba.
La pianta della chiesa si presenta a croce latina a tre navate, copertura a spioventi e campanile sormontato da una piccola cupola.
Il soffitto fu decorato nel XIX secolo con cassettoni a stucco. Uno degli elementi più importanti è l'altare barocco di San Ciro. Esso risale al 1737, è in marmo policromo. Nella parte inferiore sinistra vi è la statua di S.Giovanni di Edessa e a destra quella di Santa Anastasia, entrambi discepoli di S.Ciro. Nella parte superiore, centralmente, vi è una lapide a forma di scudo sormontato da una corona che riporta l'anno di esecuzione e il nome del Marchese di Marineo Ignazio VI, che fece eseguire l'opera con concorso del popolo.
Nell'altare è posta la pregevole urna argentea, settecentesca, la cui base fu eseguita a spese di Ignazio Pilo. L'urna contiene le reliquie del Santo Patrono di Marineo, S.Ciro. Accanto all'altare c'è una tela ad olio del 1730 circa, raffigurante "S.Ciro in gloria".
Nella Matrice sono custodite numerose opere d'arte di pregio: Il tabernacolo, di forma ovale in marmo bianco, eseguito nel XVI secolo ed attribuito alla bottega dei Gagini. Nella parte centrale vi è una porticina ai lati della quale vi sono due angeli in ginocchio con le braccia incrociate, mentre al di sopra di essa si trova l'immagine di Gesù Cristo, con i simboli della passione a bassorilievo.
Sopra il Tabernacolo si trova una statua in legno di stile neoclassico eseguita dallo scultore V.Genovesi nel 1847 rappresentante l'Immacolata Concezione di Maria; inoltre, le tele raffiguranti la "buona e la cattiva morte", la "Regina Angelorum", S.Pietro, S.Rosalia e un ostensorio monumentale in oro e argento del 1736 con tanti altri oggetti in argento. Sul lato esterno sinistro della Matrice si può ammirare un grande pannello di maiolica policroma della metà del sec.XVIII. Al centro dell'opera è dipinta una cappella, sullo sfondo vi è la figura di S.Ciro che con la sinistra poggiata sul petto trattiene la palma del martirio.
La Matrice è stata danneggiata dal terremoto del 1968, in parte è stata restaurata.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento