Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di ENNA


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa dei Cappuccini
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa dei Cappuccini a Regalbuto » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa dei Cappuccini

Chiesa dei Cappuccini

251 SP23a

Nel 1585 i padri cappuccini vennero a Regalbuto e posero la loro fede dove sorge la chiesa dedicata a San Vito; accanto ad esso si trovava una fonte miracolosa che il santo aveva fatto scaturire dal terreno. La Sicilia ha in questo periodo un'architettura nella quale confluiscono culture arabe, bizantine e occidentali. Tipico esempio è questo edificio dalle forme povere e umili, caratterizzato da tre navate nel mezzo di due file di colonne, con capitelli e basi diverse fra loro, unite da arcate. La copertura dell'edificio era composta d'un tetto a travicelli coperti da un soffitto ligneo e recentemente rifatta per intero. La facciata a salienti presenta, con le sue forme spoglie e nitidamente geometriche, una semplicità che appare come la traduzione in linguaggio volgare del più nobile stile architettonico siciliano. Questa caratteristica è evidenziata maggiormente dal portale in pietra locale che, gravemente mutilato dal tempo nella lunetta e negli stipiti e di recente malamente restaurato, introduce una nota plastica nuova sulla superfice luminosa della facciata. è una visione che trova il suo movente lirico in un tono sentimentale d'una dimessa e solitaria rusticità, cui contribuiscono anche i due angeli in bassorilievo che chiudono l'architrave e i fregi e i capitelli degli stipiti del portale in un intaglio piatto e popolaresco.
La facciata presenta una semplicità che appare come una traduzione in volgare dei più nobile stile architettonico siciliano. Questa caratteristica è evidenziata maggiormente dal portale in pietra locale con i suoi fregi e intagli di tono popolaresco che chiudono l'architrave. La luce penetra da uno serie di finestre situate nello navata maggiore e da una finestra aperta nella stessa facciata; successivamente i frati cappuccini costruirono un'altra apertura, in pietra grigia, di gusto barocco. Il presbiterio è la parte più rimaneggiata dell'intero edificio: solo in esso infatti permangono i più tardi apporti barocchi fatti eseguire dai frati. Possiamo comunque dire che la chiesa di San Vito conserva l'aspetto originario. Accanto alla chiesa i frati costruirono il loro convento che funzionò, sino agli inizi dei '900, anche da lazzaretto; oggi di esso rimane ben poco. Tuttavia, durante recenti lavori di ripristino, si sono scoperti degli affreschi del 1652.

Fonte: www.comune.regalbuto.en.it


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento