Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa S.Caterina di Alessandria-Castronovo
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa S.Caterina di Alessandria a Castronovo di Sicilia » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa S.Caterina di Alessandria-Castronovo

Chiesa S.Caterina di Alessandria-Castronovo


Con dispaccio Vice-regio del 23 agosto 1523, un secolo dopo la consacrazione della Chiesa Madre, sul luogo ove prima c’era una chiesetta dedicata a S. Stefano Protomartire, venne edificata la chiesa dedicata a S. Caterina d’Alessandria, che per le sue decorazioni e la sua architettura corinzio-romanica, si pone fra le più belle chiese di Castronovo. Più che con la sua denominazione vera, però, i castronovesi la conoscono come "Chiesa della Badia", a motivo della presenza, fino alla fine dell’800, di un monastero di monache benedettine e relativa Madre Badessa.Nello stesso Convento vivevano, oltre alle monache di Santa Caterina, anche le suore di S. Antonio Abate e quelle del monastero di S. Agata. Le suore seguivano le regole monastiche di San Benedetto. Dell’antico monastero oggi rimane ben poco. Il reperto più importante, conservato in perfetto stato è il grandioso e pregevole gradone del coro o “cantoria”, con parete in legno traforato e balaustra intagliata, opera di maestranze siciliane, e al centro del quale spicca lo stemma cittadino dipinto su tavola. La chiesa è ad unica navata (26 X 12,65 mt.)con abside semicircolare a catino con volta a botte. La stessa è arricchita da varie lapidi che ricordano fatti storici e persone care scomparse.La semplicità dell’attuale prospetto contrasta con la ricchezza cromatica dell’interno ove spiccano gli stucchi policromi settecenteschi del castronovese Antonio Messina. L’altare maggiore è stato realizzato da ignoto nel 700 con tarsie di marmi policromi, mentre il pavimento è in granito. Nel secolo XIX fu restaurata dallo stuccatore Calogero Sesta. Le tante opere d’arte presenti, fanno di questa chiesa un vero gioiello, una bomboniera da vedere e da apprezzare. All’interno, infatti, sono da ammirare i pregevoli altari in marmo e agata, un ciborio ricavato da un monolito d’agata,la statua della Madonna dei Miracoli del sec. XVIII (proveniente dalla Chiesa dei Miracoli sul Colle San Vitale), quattro tele dipinte ad olio attribuite a Fra Fedele da San Biagio (AG), raffiguranti lo sposalizio di Santa Caterina d'Alessandria, la Madonna che tiene sulle proprie ginocchia il Cristo morto, San Benedetto e S. Antonio Abate. L’opera d’arte più antica custodita nella chiesa è una statua in legno dipinto e dorato raffigurante l’Immacolata, datata 1698, opera degli artisti Francesco Ryna e Vincenzo Di Giovanni. Da ricordare anche un confessionale degli inizi del XVIII secolo opera di autore ignoto. Attualmente vi si celebra la Messa nelle domeniche e nelle feste di precetto.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Castello di Trabia Castello di S.Nicola l'Arena






Lascia un commento