Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni
Chiesa Madre
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Chiesa Madre a San Biagio Platani » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Chiesa Madre

Chiesa Madre




L'edificazione della Chiesa risale all'epoca della fondazione del paese intorno al 1635. Nel corso degli anni la chiesa ha attraversato numerose vicende costruttive terminate con l'ultimo restauro datato 8 agosto 2002. Le prime documentazioni scritte risalgono al 1678 in cui si parla della prima visita del Vescovo di Agrigento Don Francesco Rihini. Da tale documento si deduce che la chiesa era composta dall'altare maggiore e da due soli altari laterali
Intorno agli anni del 1760 la chiesa doveva risultare troppo piccola per le esigenze dei fedeli. Da qui l'incarico di ampliare la chiesa. Il progetto fu affidato all'architetto Castagna. L'arciprete di quel periodo era Ignazio Reitano. Il progetto prevede l'ampliamento della parte posteriore mediante la costruzione del transetto, del presbiterio con abside circolare, di due cappelle con abside e della cupola sorretta da quattro pilastroni. L'inizio dei lavori avviene nel 1764 e nel corso degli stessi si riscontrano molti problemi. Vengono così nominati altri architetti di Palermo per correggere gli errori del progetto. La data della fine dei lavori è il 1779. Ma da questo momento la chiesa subì un veloce declino e l'aspetto attuale è dovuto all'intervento di fino 800 ad opera dell'arciprete Carlo Conte. In questa fase si ampia la chiesa fino ad assumere l'impianto basilicale e tre navate che oggi possiamo vedere. L'ultimo intervento si ha nel 1950 nel quale fu demolita la facciata ottocentesca per far posto alla struttura attuale.
Nella Quadreria annessa alla chiesa sono raccolti alcuni dipinti di Padre Fedele da S.Biagio (1717 - 1801): un frate cappuccino nato qui ma le cui opere pittoriche e notoriet&agtave; superarono l'ambito siciliano.



Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva

Castello di Naro






Lascia un commento