Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di PALERMO


Visita il capoluogo

I Comuni
Cattedrale
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Cattedrale a Monreale » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Cattedrale

Cattedrale

Piazza Guglielmo II
Piantina

La costruzione di questo splendido complesso che comprende, oltre alla cattedrale di Santa Maria Nuova, anche un'abbazia benedettina ed il palazzo reale (trasformato alla fine del '500 e i Seminario Arcivescovile), venne iniziata da Guglielmo II, nipote di Ruggero II, intorno al 1172.
Pare che l'edificio sia stato costruito su una preesistente chiesa bizantina.
Secondo la leggenda, Guglielmo II il Buono, succeduto al padre sul trono di Sicilia, si sarebbe addormentato sotto un carrubo, colto da stanchezza, mentre era a caccia nei boschi di Monreale. In sogno gli apparve la Madonna, a cui era molto devoto, che gli rivelò il segreto di una "truvatura" con queste parole: "Nel luogo dove stai dormendo è nascosto il più grande tesoro del mondo: dissotterralo e costruisci un tempio in mio onore". Dette queste parole, la Vergine scomparve e Guglielmo, fiducioso della rivelazione in sogno, ordinò che si sradicasse il carrubo e gli si scavasse intorno. Con grande stupore venne scoperto un tesoro in monete d'oro che furono subito destinate alla costruzione del Duomo di Monreale, cui furono chiamati per la realizzazione maestri mosaicisti greco-bizantini ("i mastri di l'oru") dell'interno.
Biografi, storici, commentatori, fra i quali Tommaso Fazello plaudono alla costruzione di una meraviglia architettonica (come descritta da Giorgio Vasari Nella Vita di Lapo Architetto Fiorentino) motivata da sinceri e profondi intendimenti religiosi, ma finanziata col denaro celato dal padre avarissimo e depredatore qual era stato Guglielmo il Cattivo, considerato un rapace e razziatore delle ricchezze del suo regno.
C'è da dire anche che Guglielmo fu il promotore e patrocinatore dell'edificazione di tutto il complesso benedettino di Monreale e al tempo stesso come sovrano, appoggiò e sostenne il vescovo Gualtiero Offamilio nella ricostruzione della cattedrale di Palermo. Per i due, le imprese costituirono vere e proprie sfide di grandezza e autocelebrazione, ognuna di esse condotta con l'obiettivo di surclassare in potenza ed eccellenza il proprio avversario.
Guglielmo il buono si concentrò più sull'abbellimento dell'aspetto interno del duomo, dotandolo di mosaico dorato, poiché lo accostava all'animo dell'essere umano, come aspetto fondamentale dell'essere piuttosto che l'aspetto esteriore. Al contrario l'arcivescovo curò maggiormente l'aspetto esterno della cattedrale di Palermo, poiché per lui la bellezza esteriore era quella che colpiva di più l'attenzione delle persone.
Il primo favorì la diffusione del messaggio evangelico tra i ceti meno abbienti attraverso i preziosi cicli figurati tratti dalle Sacre Scritture, il secondo esaltò la potenza dello spirito mediante le ardite strutture architettoniche. A termine dei lavori entrambi visitarono la cattedrale edificata dal concorrente, constatando quello che mancava alla propria che l'altro aveva posto in essere.
Gugliemo inoltre volle una costruzione grandiosa anche per eguagliare le cattedrali delle più grandi città europee e superare in bellezza la Cappella Palatina, edificata dal nonno Ruggero. E così vennero sicuramente impiegate le migliori maestranze, senza risparmio di fondi. La chiesa era circondata a nord dal palazzo reale e a sud dal convento benedettino di cui oggi si può ammirare il bellissimo chiostro.


Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva

Esterno
Esterno
Monreale
L'esterno della cattedrale di Santa Maria Nuova, modificato nei secoli XVI e XVIII, nell'area absidale conserva intatta l'impronta normanna ed è...

Interno
Interno
Monreale
L'entrata è dal fianco occidentale.Il ricco manto di mosaici in cui l'oro fa da sovrano annulla per un istante tutte le altre sensazioni...

Transetto
Transetto
Monreale
Absidiola di San Pietro o Cappella della Madonna del Popolo
Sulla parete destra della campata antistante all'absidiola di San ...

Le Cappelle
Le Cappelle
Monreale
Cappella di San Giovanni Battista
La Cappella di San Giovanni Battista: nicchia - altare con mosaico nella calotta raffigurant...

I mosaici
I mosaici
Monreale
Buona parte della cattedrale è rivestita da mosaici di scuola bizantina a fondo oro, realizzati a cavallo tra il XII ed il XIII secolo da maest...

                                                                  Pagine totali: 1   [ 1 ]   



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento