Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di AGRIGENTO


Visita il capoluogo

I Comuni
Castello Sant- Angelo
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Castello Sant- Angelo a Licata » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Interno del castello

Interno del castello




In gran parte ricostruito in epoca sveva sotto l'illuminato sovrano Federico II, nel 1274, per il suo armamento e per la sua numerosa guarnigione, figura classificato al terzo posto dopo quello di Palermo e di Siracusa.
Nel 1393 ospitò per un intero mese il giovane sovrano aragonese Martino I, marito di Maria, che aveva dimorato nelle regie stanze del castello di Licata dal 30 Gennaio 1379 al 4 giugno 1381. I giovani sovrani soggiornarono ancora tra le mura del regio castello a mare nel 1400 ed in quella occasione, memori della fedeltà di Licata, riconobbero alla città numerosi privilegi. Nel 1418 Alfonso d'Aragona lo elevò alle elezioni delle supreme cariche del regno, destinando cioè alla sua direzione soltanto i nobili blasonati.
II terremoto del 1542 provocò notevoli danni alla sua cortina di difesa. Altri seri danni il castello subì I'11 luglio 1553 quando venne assalito, espugnato e saccheggiato dal corsaro Dragut che annientò I'intera guarnigione, crocefisse il castellano Pompeo Grugno e deportò come schiavi i suoi figli Giovanni, Pompeo e Natalino. I danni vennero riparati nel 1559 per ordine del vicerè duca Giovanni La Cerda che dispose anche la costruzione di due nuovi bastioni e di un grande corpo di guardia. Ulteriori ampliamenti vennero fatti nel 1589 sotto il castellano don Giovanni La Nuza.
Un terzo bastione venne edificato a partire dal 1610 e venne armato con ben 11 pezzi di artiglieria. Le opere di restauro e di ampliamento costarono ben 1600 onze d'oro.
Nel 1811 dormì nel regio castello Francesco IV, duca di Modena, figlio di Maria Beatrice, ultima erede della famiglia d'Este. Sino al 1834 la millenaria fortezza fu annoverata dal governo borbonico tra le piazze militari di III classe ed in essa sino al 1848 fu mantenuto sempre un presidio di veterani.
Dopo la restaurazione borbonica del 1849 i suoi superstiti cannoni furono trasferiti in altre roccaforti e parte, inchiodati, furono inabissati in mare. Da questo momento il castello cadde nel pieno abbandono. Solo una parte venne adibita a carcere prima e a canile comunale dopo, finchè un pò alla volta, per la costruzione del porto commerciale, dal 1872 al 1929 non venne raso completamente al suolo.
La difesa della città di Licata sin dal 1360 venne affidata anche ad un secondo castello, detto Nuovo.
Assediato e distrutto nel 1553, rimase per lungo tempo abbandonato. Nel 1604, acquistato dalla municipalità dalla nobile famiglia Grugno, fu trasformato, su progetto dell'ing. Orazio del Nobile, in "quartiere" per i soldati di fanteria della Comarca, cui Licata era a capo. Cessate le incursioni barbaresche, il baluardo venne smilitarizzato ed abbandonato. Già all'inizio del 1800 gran parte delle sue fabbriche erano crollate, finché nel 1897 non venne raso completamente al suolo.
Un terzo castello venne costruito sul monte Sant'Angelo a difesa delle coste della città di Licata nel 1615 da Hernando de Petigno, comandante della cavalleria leggera del Regno di Sicilia, che utilizzò una preesistente torre d'avviso che in quel luogo era stata costruita su progetto dell'architetto Camillo Camilliani. II forte, che prese poi il nome dal colle Sant'Angelo che lo ha ospitato, è I'unica architettura militare superstite a Licata e un tipico e raro esempio delle fortezze borboniche sorte in Sicilia nel XVII sec.. Il castello fu inaugurato nel 1640.
Dopo vari restauri è stato riportato alla sua veste originaria e sarà destinato ad antiquarium della zona archeologica che lo circonda. Nel 1856, per interessamento del re di Napoli, fu adibito a telegrafo ottico ad esclusivo uso del governo, e nei primi del 900 le autorità civili e militari vi impiantarono un semaforo e vi posero un presidio militare, finché la mattina del 10 luglio 1943 il cosiddetto D Day per lo sbarco anglo-americano in Sicilia, il forte fu bombardato dall?incrociatore americano Brooklyn e dal caccia Buck. Quindi fu conquistato quella stessa mattina dai GI's americani che issarono sul pennone del castello la bandiere a stelle e strisce. Dopo la seconda guerra mondiale venne destinato a stazione metereologica gestita dalla Aeronautica Militare.



Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa






Lascia un commento