Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CATANIA


Visita il capoluogo

I Comuni
Cappella Bonajuto - Catania
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Cappella Bonajuto a Catania » Storia

Eventi Cartoline Galleria Commenti Link

Ove son or le meraviglie tue
O regno di Sicilia? Ove son quelle
Chiare memorie, onde potevi altrui
Mostrar per segni le grandezze antiche?

(Dal Fazello - Storia di Sicilia,
deca I,lib. VI,cap.I)



Cappella Bonajuto

Cappella Bonajuto


La cappella Bonajuto o del Salvaterello è un edificio religioso d'epoca bizantina di Catania, eretto tra il VI e il IX secolo d. C. , oggi utilizzato come spazio espositivo e sala convegni.
Unico manufatto di rilievo superstite dell'epoca bizantina a Catania, costituisce il monumento meglio conservato della Catania pre-terremoto.
La cappella è ubicata sotto il livello della strada di circa 2 metri, e inglobata dalle fondamenta del palazzo nobiliare della famiglia Bonajuto in via Bonajuto 7, nel popolare quartiere catanese della Civita, abitato anticamente dall'aristocrazia cittadina.
Scampata ai diversi terremoti che hanno colpito la città, fra cui quello devastante del 1693 (Terremoto del Val di Noto) è stata restaurata e recuperata sapientemente. Consta di numerosi ambienti risalenti ad epoche diverse, in parte medievali e in parte quattrocenteschi, che ospitano le attività a servizio della visita al monumento.
Si presenta a croce greca con pianta quadrata, cupola e tre absidi («cellae trichorae» o «chiesa a trifoglio») in forma simile alla cuba bizantina presente in Sicilia. La famiglia Bonajuto prese possesso della cappella a partire dal quattrocento, per volere del re Martino, e la utilizzarono come sepolcreto e cappelletta di famiglia. Nel secolo successivo i Bonajuto vi edificarono la propria residenza, il palazzetto che si appoggia alla cappella, del quale sono ancora oggi visibili alcuni resti.
Sino all'insediamento dei Bonajuto la cappella era dedicata al SS.Salvatore, denominazione che mantenne probabilmente sino al XVIII secolo . Nel XVIII secolo quando la cappella fu oggetto di restauri e ristrutturazione dell'ingresso, questa fu meta del viaggio del pittore francese Jean Houel.
Restaurata negli anni trenta sotto la direzione del grande Paolo Orsi, e Sebastiano Agati è stata recentemente recuperata e resa fruibile a turisti e visitatori. Oggi è visitabile e spesso affittata per fini espositivi e conferenze nonchè come pub e come palcoscenico di gruppi musicali rock e di altro genere.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

 Ascolta il testo

Come ci si arriva



Visualizzazione ingrandita della mappa

TOUR VIRTUALE INTERNI






Lascia un commento