Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline
MONUMENTI DELLA CITTA'

LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
:: Mineo » Monumenti e Luoghi di interesse

Storia Eventi Video Cartoline Galleria Brochure Commenti Link

Storia Mineo
La Chiesa di Santa Agrippina: antichissima chiesa, fu ricostruita nel 1693, dopo il terremoto, sul precedente edificio medioevale, del quale conserva le tre absidi e la suggestiva cripta, meta di pellegrinaggio dei fedeli.
La Chiesa di San Pietro: ricostruita dopo il terremoto del 1693, ha una facciata barocca e presenta tre ordini architettonici, il primo è diviso in tre scomparti, con portale d'ingresso, finestre e colonne. All'interno della chiesa si conserva una pregevole statua lignea, il Cristo alla colonna, risalente al 1500.
La Chiesa di Santa Maria Maggiore: forse la prima chiesa edificata a Mineo; fu ricostruita nel '700 dall'architetto Antonio Caruso, nel luogo in cui sorgeva l'antico tempio pagano dedicato al dio Sole.
La facciata è ripartita in tre ordini, con celle campanarie nell'ultimo ordine.
All'interno segnaliamo una statua d'alabastro detta "Regina degli Angeli" e un lavabo marmoreo del Mazzolo risalente al XVI secolo.

Le numerose testimonianze archeologiche del riccihissimo territorio di Mineo comprendono tra l'altro i resti di almeno quattro città di età greca: Mineo stessa (l'antica cittàsicula "Menai"), Piano Casazze, Monte Catalfaro e Rocchicella-PALIKE' insieme a varie testimonianze comprese tra l'età palcolitica e l'età medioevale.

Biblioteche e Musei:

Museo Civico Luigi Capuana
Il Museo dedicato a Luigi Capuana (Mineo 1839 - Catania 1915; scrittore, commediografo, drammaturgo, critico letterario con l'hobby della fotografia), annesso alla Biblioteca, è ubicato nei locali del palazzo comunale, ex Accademia dei Gesuiti, che fino al 1767 fu centro di studi per i novizi di tale ordine in Sicilia.
In esso sono raccolti tutti i manoscritti, le opere a stampa, la biblioteca personale, mobili, cimeli, quadri e quant'altro appartenuto allo scrittore menenino.
A sottolineare l'eclettismo del Capuana va mensionato il suo incommensurabile amore per la fotografia, grazie al quale, oggi, si conservano preziose testimonianze della vita e della storia di Mineo e dei suoi abitanti verso la fine dell'Ottocento, nonchè foto rare, se non uniche, di Balzac, Verga, Zola, Pirandello, De Roberto, Cesareo, Musco.