Home Page Chi siamo Cosa offriamo Finalità Partecipa Segnalazioni Contatti Mappa del sito Mappe satellitari Meteo Cartoline


Provincia di CATANIA


Visita il capoluogo

I Comuni
Famiglia Abbatellis
LE NOVE PROVINCE SICILIANE

Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta Provincia di Catania Provincia di Enna Provincia di Messina Provincia di Palermo Provincia di Ragusa Provincia di Siracusa Provincia di Trapani
::Abbatellis a Catania » Storia

Storia Monumenti Eventi Cartoline Galleria Brochure Commenti Link



Arma: d'oro, al grifo rampante di nero, coronato dello stesso.



Trae questa famiglia origine dalla città di Lucca da dove passò in Palermo ed in Catania. Un Giovanni Abbatellis comprò a 19 febbraio 1405 in notaro Lorenzo de Naro di Catania da Raimondo de Falgar la baronia di Cefalà che gli venne da Re Martino confermata a 27 giugno 1406 e la quale, nell'anno 1429, ottenne di popolare. A lui succedette il figlio Giovanni che comprò da potere di Guglielmo Raimondo Moncada, in seguito a licenza di Re Alfonso, la terra di Cammarata per atto presso notar Pietro de Busaldano di Valenza a 11 settembre 1431 ed ottenne, alla morte del padre, la conferma della baronia di Cefalà a 27 giugno 1453. Sposò in prime nozze Giovanna Chiaramonte e Ventimiglia ed in seconde Eulalia la Grua dalla quale fra gli altri ebbe: Francesco che, non avendo figli, lasciò tutto il suo patrimonio per opere pie come rilevasi dal suo testamento pubblicato presso gli atti di notar Domenico Di Leo a 31 luglio 1509. Dal primo matrimonio ebbe fra gli altri figli: Federico che ebbe confermata la terra di Cammarata con l'obbligo di prestar cinque cavalli per servizio militare a 25 settembre 1453 e fu padre di Francesco che ebbe l'investitura di detta terra nel 1478 e di Giovanni Manfredi che ebbe confermata la baronia di Cefalà a 10 ottobre 1491. Francesco fece due matrimonii dal primo ebbe Antonio, e dal secondo Federico. Antonino dopo essere stato investito a 23 settembre 1485 di Cammarata morì lasciando un'unica figlia a nome Margherita; questa, per la stretta forma dei Franchi, venne esclusa dalla successione dalla zio Federico, il quale la prese in moglie e fu investito di Canmarata a 23 novembre 1503. Giovanni Manfredi Abbatellis di Federico fu marito di Luigia Lombardo, figlia di Ludovico ed ereditiera della terra di Gibellini, e padre di Antonino e di Federico. Antonino primogenito succedette nella detta baronia di Cefalà della quale fu investito a 1 luglio 1503 ed essendo egli morto senza figli, passò al fratello Federico che ne ottenne l'investitura a 5 settembre 1506 Federico fu padre di Giuseppe che sposò Agata Castello di Guttierez, e testò a 11 aprile 1550 presso gli atti di notar Antonio Merlino di Catania istituendo erede il figlio Alfonso. Questi sposò Giovanna Paternò figlia di Pietro e fu padre di Giuseppe e Francesco. Francesco ebbe in moglie Agata Tornabene figlia di Orazio e di Girolama Castello, giusta i capitoli matrimoniali presso gli atti di notar Orazio Pulvirenti di Catania a 27 giugno 1620 e celebrò a 3 aprile 1627 presso gli atti di notar Giuseppe Riera di Catania il suo testamento che venne aperto presso i detti atti a 26 gennaio 1640, lasciando due figli: Anna ed Ignazio. Anna Abbatellis e Tornabene sposò in prime nozze Ferdinando Cutelli e Grimaldi ed in seconde nozze Vincenzo Paternò Tedeschi di Pietro barone di Ficarazzi. Dell'Ignazio Abbatellis e Tornabene non abbiamo notizie sicure non essendo in grado di accertare se quell'Ignazio Abbatellis iscritto fra i regii cavalieri nella Mastra Nobile di Catania del 1696 sia la stessa persona.
Quest'Ignazio, iscritto nella mastra, fu marito di Lucrezia Paternò nel nome della quale ottenne a 28 febbraio 1717 l'investitura di metà di S. Cono e fu padre di Vincenzo Domenico che sposò Luigia Tedeschi e testò a 24 febbraio 1754 in notaro Agatino Puglisi di Catania lasciando fra gli altri figli: Eleonora moglie di Errico Guttadauro, il quale, per tal matrimonio, fu a 2 dicembre 1775 ascritto alla mastra nobile di Catania, ed Ignazio il quale a 1 febbraio 1783 fu investito di metà di S. Cono. Ignoriamo il seguito.

Scheda Compilata da Virtualsicily Staff © Scheda Compilata da Virtualsicily Staff ©

Castello Normanno di Acicastello Castello Ursino Catania Castello Normanno "a Turri" di Paternó Castello di Adrano Castello di Nelson a Bronte Il Dongione di Motta S. Anastasia






Lascia un commento